Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Cardinali defunti > Card. Ernesto Corripio Ahumada Condividi su Facebook Twitter

Card. Ernesto Corripio Ahumada

Cardinale defunto

Tampico, Messico, 29 giugno 1919 – Città del Messico, Messico, 10 aprile 2008

Arcivescovo emerito di Città del Messico.
Da Giovanni Paolo II creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 30 giugno 1979, del Titolo dell'Immacolata al Tiburtino.



Il Cardinale Ernesto Corripio Ahumada, Arcivescovo emerito di México (Messico), è nato a Tampico il 29 giugno 1919, primo di quattro fratelli. L'educazione cristiana ricevuta dai genitori influì moltissimo sul giovane Ernesto che manifestò per tempo la propria vocazione al sacerdozio tanto che, a soli undici anni, il 30 dicembre 1930, entrò nel Seminario di Puebla de Los Angeles dove intraprese gli studi letterari e filosofici.
Nel 1935 il suo Vescovo lo inviò a compiere gli studi ecclesiastici al Collegio Pio Latino Americano di Roma. Due anni dopo, nel 1937, si laureò in filosofia alla Pontificia Università Gregoriana e nello stesso ateneo ottenne, successivamente, la laurea in teologia (1942), in diritto canonico (1944) e in storia della Chiesa (1945).
Intanto, il 25 ottobre 1942, era stato ordinato sacerdote dal Cardinale Traglia nella Chiesa del Gesù. A Roma rimase fino quasi alla fine del secondo conflitto mondiale, condividendo con la cittadinanza i rischi e i disagi della guerra.
Lasciò Roma per tornare in patria nel gennaio del 1945. Il viaggio fu lungo e non privo di pericoli (la guerra non era ancora terminata). Dovette, fra l'altro, fermarsi due mesi in Argentina prima di trovare il modo di imbarcarsi per il Messico, dove giunse il 20 maggio. Quasi subito intraprese il suo ministero sacerdotale nella città natale di Tampico, accolto nel locale Seminario, del quale fu successivamente economo e vicerettore, insegnante di teologia e di filosofia. Nel 1950 divenne Segretario della Curia.
Nominato da Pio XII, il 27 dicembre 1952, Vescovo titolare di Zapara e Ausiliare del Vescovo di Tampico, ricevette l'ordinazione episcopale il 19 marzo 1953. In quel momento era il vescovo più giovane del mondo.
Vescovo di Tampico dal 25 febbraio 1956, resse per undici anni la Diocesi della sua città natale: era il primo figlio di Tampico a raggiungere la dignità episcopale e si dedicò con grande sollecitudine all'attività pastorale, circondato dall'affetto e dalla collaborazione dei fedeli. L'avvenimento ecclesiale più significativo del suo ministero episcopale fu, nel 1961, la promozione della grande Missione in occasione del 75E anniversario della proclamazione della SS. Vergine di Guadalupe a Patrona dell'America e delle Filippine. Sempre durante il suo episcopato a Tampico, contribuì all'erezione delle nuove diocesi di Matamoros e Ciudad Victoria. Come Vescovo di Tampico, prese parte a tutte le sessioni del Concilio Vaticano II.
Il 25 luglio 1967 fu nominato da Papa Paolo VIArcivescovo di Antequera (Oaxaca), e fu in questo periodo che rifulsero, in particolare, le sue doti di evangelizzatore. Per merito suo sorsero nel territorio della diocesi numerose sedi missionarie. I religiosi, per suo suggerimento, impostarono la loro opera fra gli indigeni non solo sul messaggio salvifico ma anche su un intenso programma di promozione umana e di sviluppo culturale. In piena unità di intenti con i sacerdoti della diocesi propose una pastorale viva e attuale, secondo gli orientamenti del Concilio Vaticano II. Il frutto più importante di questo lavoro fu l'erezione della Prelatura "nullius dioeceseos" (territoriale) di Huautla de Jiménez (Oaxaca).
Presidente della Conferenza Episcopale Messicana dal 1967 al 1973, l’8 marzo 1976 fu nominato da Paolo VI alla sede arcivescovile di Puebla de Los Angeles e successivamente, il 19 luglio 1977, Arcivescovo di Città del Messico e primate del Messico. Prese possesso della sua nuova diocesi il 25 novembre 1977, succedendo al Cardinale Miguel Darío Miranda y Gómez.
Al suo zelo pastorale e alle sue doti di organizzatore si deve la grande Missione in onore della Madonna di Guadalupe, della durata di due anni, culminata nel dicembre 1981, in occasione del 450E anniversario dell'apparizione della Vergine sul Tepeyac. Nello stesso tempo intraprese con grande dinamismo la realizzazione di un piano di evangelizzazione in tutta l'Arcidiocesi.
Nel gennaio del 1979 fu nominato da Giovanni Paolo II Co-presidente (insieme ai Cardinali Baggio e Lorscheider) della III Conferenza Generale dell'Episcopato Latinoamericano (CELAM), che si tenne a Puebla e che fu aperta dal Papa. Il 26 gennaio fu appunto l'Arcivescovo Primate ad accogliere il Santo Padre Giovanni Paolo II al Suo arrivo nella Cattedrale della capitale. Creato Cardinale, resse la sede Primaziale messicana per altri quindici anni. Come Arcivescovo di México accolse il Santo Padre Giovanni Paolo II anche nel suo secondo viaggio apostolico in Messico nel maggio del 1990.
Dal 29 settembre 1994, Arcivescovo emerito di México.
Da Giovanni Paolo II creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 30 giugno 1979, del Titolo dell'Immacolata al Tiburtino.
Il Cardinale Ernesto Corripio Ahumada è morto a Città del Messico il 10 aprile 2008.


Fonte:
Santa Sede

______________________________
Aggiunto/modificato il 2020-12-02

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati