Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Cardinali defunti > Card. Bernardin Gantin Condividi su Facebook Twitter

Card. Bernardin Gantin

Cardinale defunto

Toffo, Benin, 8 maggio 1922 Parigi, Francia, 13 maggio 2008

Decano emerito del Collegio Cardinalizio, Prefetto emerito della Congregazione per i Vescovi, Presidente emerito della Pontificia Commissione per l'America Latina.
Da Paolo VI creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 27 giugno del 1977, del Titolo della Chiesa Suburbicaria di Palestrina.



Il Cardinale Bernardin Gantin, Prefetto emerito della Congregazione per i Vescovi, Presidente emerito della Pontificia Commissione per l'America Latina, Decano emerito del Collegio Cardinalizio, è nato in Toffo, Arcidiocesi di Cotonou (Benin), l’8 maggio 1922.
Il suo nome significa albero (gan) di ferro (tin) della terra d'Africa, e sempre il suo popolo e la sua terra sono stati e sono presenti nella sua vita. Figlio di un funzionario delle ferrovie, ha compiuto gli studi nelle scuole del Dahomey (oggi Repubblica Popolare del Benin), dove fu l'arrivo dei primi missionari, nel 1861, a determinare la nascita di una profonda fede cristiana che trovò nella cittadina di Ouidah il suo centro principale e da lì si irradiò poi per tutto il territorio. Una forte spinta al cristianesimo venne pure dall'esperienza di numerosi schiavi deportati dal Paese nelle piantagioni dell'America Latina, la maggior parte dei quali al ritorno in terra africana testimoniò della forza e della speranza che a loro derivava dal Vangelo.
Nel 1936, terminati gli studi inferiori, è entrato nel seminario del suo Paese a Ouidah; ha ricevuto l'ordinazione sacerdotale il 14 gennaio 1951 a Lomé in Togo dall'Arcivescovo di Cotonou, Louis Parisot. Per tre anni è stato insegnante di lingue presso il seminario diocesano, dedicandosi nello stesso tempo intensamente all'attività pastorale in un gruppo di villaggi. Da questa esperienza gli è derivato un grande amore per l'apostolato.
Nel 1953 - lasciando in Africa qualcosa più del suo cuore - si è trasferito a Roma dove ha studiato presso l'Università Urbaniana e quindi presso la Lateranense, ottenendo la Licenzia in Teologia e in Diritto Canonico.
L’11 dicembre 1956 è stato eletto alla Chiesa titolare di Tipasa di Mauritania e nominato Ausiliare dell’Arcivescovo di Cotonou. Consacrato vescovo a Roma il 3 febbraio 1957, è stato promosso da Giovanni XXIII Arcivescovo di Cotonou il 5 gennaio 1960, quando il suo antico maestro, l'Arcivescovo Parisot, stanco e malato, sentì che era giunto il momento di lasciare il suo gregge nelle mani di chi degnamente avrebbe proseguito il suo enorme lavoro di apostolato. La sua alacrità pastorale si è manifestata in molteplici campi: suddivisa la diocesi per poter seguire più efficacemente le singole situazioni, ha promosso l'istituzione di scuole, ha dato slancio e vigore all'attività dei catechisti e delle suore autoctone, curando in modo particolare il problema delle vocazioni sacerdotali; per esse ha sostenuto non pochi sacrifici al fine di mantenere agli studi seminaristi e sacerdoti della diocesi. È stato anche Presidente della Conferenza episcopale regionale, che comprendeva sette Paesi (Dahomey, Togo, Costa D'Avorio, Alto Volta, Nuova Guinea, Senegal e Nigeria).
Il 29 giugno 1971 ha rinunciato al governo dell’Arcidiocesi di Cotonou, essendo stato chiamato a Roma da Papa Paolo VI come Segretario aggiunto della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli (5 marzo 1971), della quale è divenuto Segretario due anni più tardi, il 26 febbraio 1973.
Il 20 dicembre 1975 è stato nominato Vice-Presidente della Pontificia Commissione Iustitia et Pax, divenendone Pro-Presidente il 16 dicembre 1976 e Presidente il 29 giugno 1977.
Sempre nel dicembre 1975 è stato nominato anche Vice-Presidente del Pontificio Consiglio Cor Unum. Papa Giovanni Paolo I lo ha poi nominato Presidente il 4 settembre 1978.
L’8 aprile 1984 è stato nominato da Papa Giovanni Paolo II Prefetto della Congregazione per i Vescovi e Presidente della Pontificia Commissione per l'America Latina, incarichi mantenuti per più di quattordici anni, fino al 25 giugno 1998.
Come Vescovo ha partecipato ai lavori del Concilio Vaticano II (1962-1965). Ha preso parte inoltre a numerosi Sinodi dei Vescovi ed è stato Presidente delegato alla V Assemblea generale del Sinodo dei Vescovi (1980) sul tema: "I compiti della famiglia cristiana nel mondo contemporaneo".
Dal 5 giugno 1993 e per quasi dieci anni è stato Decano del Collegio Cardinalizio.
Il 30 novembre 2002, il Santo Padre Giovanni Paolo II ha accolto la sua richiesta di dispensa dall’Ufficio di Decano del Collegio Cardinalizio e dal titolo della Chiesa suburbicaria di Ostia, permettendogli così di tornare in Patria, nel Benin, dopo più di trent’anni trascorsi nell’Urbe al servizio della Santa Sede, primo Cardinale africano a capo di un dicastero della Curia Romana.
Da Paolo VI creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 27 giugno del 1977, del Titolo della Chiesa Suburbicaria di Palestrina (29 settembre 1986).
Il Cardinale Bernardini Gantin è deceduto a Parigi il 13 maggio 2008.


Fonte:
Santa Sede

______________________________
Aggiunto/modificato il 2020-12-02

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati