Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione G > Beato Gonsalvo (Gundisalvo) da Lagos Condividi su Facebook Twitter

Beato Gonsalvo (Gundisalvo) da Lagos

15 ottobre

Lagos (Algarve, Portogallo), 1360 circa - Torre Vecchia, 15 ottobre 1422

Il beato Gundisalvo, nato a Lagos (Algarve, Portogallo) verso l’anno 1360, figlio di pescatori, entrò nell’Ordine a Lisbona, intorno al 1380. Buon teologo, ricusò tuttavia il titolo di maestro in teologia. Apprezzato oratore, amava insegnare il catechismo ai bambini, agli operai e alle persone non istruite. Fu priore nei più importanti conventi del Portogallo; serviva con amore i fratelli, aiutandoli e sostituendoli anche nelle mansioni più umili. Essendo buon calligrafo e miniatore lavorò molto nello scrivere libri corali. Morì a Torre Vecchia il 15 ottobre 1422. Le sue reliquie si conservano nella chiesa di santa Maria delle Grazie, un tempo degli agostiniani. Il suo culto fu confermato da Pio VI il 23 maggio del 1778.

Patronato: Gente di mare, gioventù

Martirologio Romano: A Torresvedras in Portogallo, beato Gonsalvo da Lagos, sacerdote dell’Ordine degli Eremiti di Sant’Agostino, che si dedicò con zelo all’insegnamento dei precetti cristiani ai fanciulli e agli incolti.


Nacque a Lagos (Algarve), nel Portogallo meridionale nel 1360 ca. Figlio di pescatori e pescatore lui stesso, mentre visitava una chiesa agostiniana a Lisbona, sentì la chiamata alla vita claustrale. Nel 1380 vestì l'abito agostiniano. Si distinse ben presto per l’amore allo studio, benché, per spirito di umiltà, pur avendo indubbie capacità, non volle accettare il magistero in teologia.
Divenuto sacerdote, fu molto apprezzato sia come predicatore che per la cura delle anime. Amava dedicarsi ad insegnare le verità della fede alle persone più umili e ignoranti, soprattutto ai bambini. Eletto più volte Priore - resse i maggiori e più importanti conventi della Provincia portoghese, come Lisbona e Santarem - mostrò ovunque grande zelo per l’osservanza regolare. Era dotato come calligrafo, miniaturista e compositore di cantici sacri, ma non per questo disdegnava di compiere anche i lavori più umili, come cuoco o addetto alla portineria, se necessario. Grande era il suo spirito di pietà, molto vivo il senso ascetico.
Nel 1412 venne eletto Priore di Torres Vedras, località non molto distante da Lisbona, dove rimase sino alla fine dei suoi giorni. Qui continuò a svolgere la sua instancabile attività in campo religioso, sociale e pedagogico, alleviando le sofferenze dei poveri, che nutrivano per lui un affetto filiale.
Morì il 15 ottobre 1422 e fu sepolto nella chiesa conventuale di Torres Vedras, intitolata alla Madonna della Grazia. Già venerato come santo quando era in vita, il suo culto crebbe dopo morte. Il ricordo del b. si mantiene ancora oggi molto vivo tra i suoi conterranei che lo invocano come protettore della gente di mare e patrono della gioventù.
Il suo culto fu confermato da Pio VI nel 1778.
La sua memoria liturgica ricorre il 14 ottobre.


Autore:
P. Bruno Silvestrini O.S.A.

______________________________
Aggiunto/modificato il 2001-07-18

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati