Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Gruppi di Martiri > Beati Martiri Agostiniani del Giappone Condividi su Facebook Twitter

Beati Martiri Agostiniani del Giappone

28 settembre

>>> Visualizza la Scheda del Gruppo cui appartiene

† Giappone, XVII secolo

I primi missionari agostiniani giunsero in Giappone nel 1602. Il terreno prometteva un buon raccolto tanto che di giorno in giorno aumentavano i frutti della messe. Le conversioni si moltiplicavano. La vita agostiniana attraeva i nativi al punto tale che esistevano già religiosi; terziari e cinturati. Improvvisamente però scoppiò una persecuzione che rese vane tutte le speranze. Nel 1617 fu martirizzato il padre Ferdinando di san Giuseppe con il suo catechista, il cinturato Andrea Yoshida; nel 1622 padre Pietro da Zuñiga; nel 1630 frate Giovanni Shozaburo, gli oblati Michele Kiuchi e Tayemon, Pietro Kuhieye e Tommaso Terai Kahioye, e i terziari Mancio Seizayemon e Lorenzo Hachizo; infine nel 1632 i padri Bartolomeo Gutierrez, Vincenzo di Sant'Antonio e Francesco di Gesù. Furono beatificati tutti insieme nel 1867 da Pio IX.Non furono però soli a subire il martirio: altri membri dell'Ordine vennero martirizzati con loro. La loro festa testimonia l'internazionalità dell'Ordine agostiniano (Spagna, Giappone, Messico e Portogallo).


P. Tommaso Jihioye, agostiniano giapponese, una vita avventurosa come quella di "Zorro", ma per Cristo. Con il nome di battaglia di "Kintsuba" per 5 anni tiene in scacco i soldati dell'imperatore che lo cercano per catturarlo, perché sacerdote cattolico. Corre di comunità in comunità, di casa in casa, nascondendosi di giorno, viaggiando di notte; amministra i sacramenti, incoraggia i cristiani, con zelo, audacia e astuzia. Catturato nel 1636, viene sottoposto a raffinate e crudeli torture; gli promettono vita e libertà in cambio dell'apostasia. Non accetta. Muore sotto i tormenti, da eroe, a 35 anni.
Maddalena, fragile e graziosa ragazza di Nagasaki. I suoi genitori vengono martirizzati per la fede. Si consacra a Dio come terziaria agostiniana, guidata spiritualmente dai missionari agostiniani recolletti Francesco Terrero e Vincenzo Simoens. Dopo il martirio dei due missionari, avvenuta nel 1632, continua ad assistere i cristiani come catechista, nascondendosi sui monti. Nel settembre del 1634, per dare esempio di coraggio ai cristiani vacillanti, si presenta spontaneamente alle autorità, confessandosi cristiana. Torturata crudelmente, inamovibile nella fede, viene appesa ad un patibolo dove muore dopo 13 giorni di sofferenze. Ha 23 anni.
Sono due dei tanti martiri agostiniani che nel sec. XVII morirono per testimoniare la loro fede nel paese del Sol Levante. Iniziate da S.Francesco Saverio, le missioni cattoliche in Giappone stavano raccogliendo grandi frutti. I missionari gesuiti, francescani, domenicani e agostiniani avevano creato numerose e ferventi comunità cristiane. Alla fine del 1500 e fino alla metà del 1600 venne scatenata una terribile persecuzione contro i cristiani, che per la sua generalità e la crudeltà delle torture è risultata forse peggiore di quella dei primi secoli della Chiesa. Centinaia furono i cristiani (sacerdoti, religiosi dei 4 Ordini religiosi che lavoravano in Giappone, semplici fedeli) che diedero la loro vita per la fede.
Diamo un semplice elenco dei martiri agostiniani.
1610: P. Giovanni Damarín e P. Francesco de Osorio vengono assassinati nel porto di Nagasaki. P. Pietro de Montejo muore prigioniero su una nave olandese, prima di essere cosegnato ai giapponesi. Viene ucciso anche Luigi Michoa, fratello agostiniano.
1617: Vengono decapitati P. Ferdinando de Ayala e il giapponese Andrea Yoshida, presidente della Confraternita della Cintura di Nagasaki.
1622: Vengono bruciati a fuoco lento P. Pietro de Zúñiga e il giapponese Gioacchino Hiroyama, quest'ultimo per aver aiutato il P. Pietro.
1630: Sono decapitati 6 oblati e terziari agostiniani giapponesi.
1632: Muoiono bruciati a fuoco lento i Padri Bartolomeo Gutiérrez, Vincenzo Simoens, Francesco Terrero, Martino Lumbreras e Melchiorre Sánchez.
1633: Viene ucciso P. Francesco Correia.
1634: Viene martirizzata Maddalena da Nagasaki, terziaria agostiniana giapponese.
1636: Viene ucciso P. Tommaso Jihioye detto Kintsuba. In questo stesso anno ben 637 terziari agostiniani giapponesi seguirono Kintsuba nel martirio.
1637: L'ultimo in ordine di tempo a dare la vita a Cristo fu P. Michele di S. Giuseppe, agostiniano giapponese.
Ogni commento diventa inutile. La nostra fede stanca, mediocre e superficiale ha di che riflettere.
Furono beatificati tutti insieme nel 1867 da Pio IX.
La festa liturgica ricorre il 28 settembre.


Autore:
P. Bruno Silvestrini O.S.A.

_____________________
Aggiunto il 2001-07-18

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati