Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Servi di Dio > Servo di Dio Alfredo Berta Condividi su Facebook Twitter

Servo di Dio Alfredo Berta Frate Minore

.

Pianello di Ostra (Ancona), 5 giugno 1886 – Sassoferrato (Ancona), 2 ottobre 1969

Il Padre Alfredo Berta nacque ad Ostra il 5 giugno 1886. Il 24 settembre 1901 vestiva l'abito francescano nel convento di Forano (MC) dei Frati Minori. Il 28 dicembre 1906 si consacrava per sempre al Signore e il 1° agosto 1909 veniva ordinato sacerdote a Ripatransone (AP). Terminati gli studi superiori di Filosofia, la sua operosità non conobbe soste. Insegnò a Roma, in vari studentati francescani delle Marche e all'Istituto "Stella Maris" di Colle Ameno (AN), di cui fu anche Preside. Per obbedienza ricoprì molti e delicati uffici fino a quello di Ministro Provinciale. Fu Visitatore Generale in cinque Province francescane, religioso ritenuto dotto e santo, Padre spirituale apprezzato. Morì a Sassoferato (AN) il 2 ottobre 1969, lasciando scritti agiografici, mistici e storici per lo più ancora inediti.

Etimologia: Alfredo = guidato dagli elfi, dall'anglosassone


Alfredo nacque il 5 giugno 1886 a Pianello di Ostra (Ancona) da Antonio Morganti e Letizia Menotti. Il cognome paterno è Morganti ma la famiglia è conosciuta con il soprannome di Berta ed ambedue cognomi figurano all’anagrafe.
Fin da giovanetto si sentì chiamato alla vita religiosa e chiese ed ottenne di essere ammesso tra i Frati Minori delle Marche. A quindici anni, entrò nel noviziato del convento di Forano (Macerata) il 24 settembre del 1901, emise la professione solenne a Jesi (Ancona) nel 1906.
Portati a compimento gli studi richiesti venne consacrato sacerdote il 1° agosto 1909 a Ripatransone (Ascoli Piceno). Per le sue doti d’intelligenza limpida e acuta e di formazione morale non comune, i suoi superiori lo inviarono a Roma, per conseguire la laurea in filosofia (1910-13) nel Pontificio Ateneo Antoniano, che allora si chiamava Collegio Internazionale di S. Antonio.
Ottenuta la laurea, fu impegnato per oltre trent’anni nell’insegnamento negli studentati francescani marchigiani; fu a Jesi, Fano, Mombaroccio, Matelica, Zara, Monteprandone, Falconara Marittima, Arcevia, Colfano di Camporotondo. A Falconara Marittima (Ancona) ricoprì l’incarico di direttore spirituale dell’Istituto “Stella Maris” di Colle Ameno, gestito dalle Suore Canossiane.
Non era alto di statura, anzi di gracile costituzione fisica, ma possedeva una forte personalità. Ebbe tutta una serie di importanti compiti di notevole responsabilità, che lo fecero salire nella stima dei superiori dell’Ordine, i quali lo inviarono come Visitatore Generale in varie Province Francescane d’Italia: nella Tridentina nel 1941; nella Bolognese nel 1942; nella Romana (1943); nella Sarda (1945) e nell’Umbra nel 1951.
Nel 1946 fu chiamato a Roma come formatore dei giovani frati italiani, nel Collegio Apostolico di S. Francesco a Ripa e dal 1948 al 1957, fu direttore spirituale del Pontificio Ateneo Antoniano, profondendo tutta la sua saggezza e spiritualità.
Dal 1957 all’ottobre 1968 si dedicò all’apostolato serafico nel convento e città di Matelica (Macerata) specialmente alle confessioni dei fedeli e dei frati. Nel 1968 si ammalò gravemente e dopo qualche mese fu ricoverato nell’infermeria regionale a Sassoferrato (AN), dove morì in concetto di santità il 2 ottobre 1969.
La sua vita, volendo riportare una frase del suo biografo padre Sabattini, ebbe una caratteristica unica: è stata straordinaria nelle cose ordinarie.
Con l’aiuto dello Spirito Santo, seguì Cristo sulle orme di s. Francesco d’Assisi, con prontezza, con costanza, con gioia; e con queste doti fu formatore di giovani francescani, direttore spirituale e superiore d’importanti Comunità Religiose.
Fu fecondo scrittore, i suoi scritti in parte editi e molti ancora inediti, riguardano biografie di missionari francescani e di teologia ascetica.
Nel 1972 il Capitolo Provinciale dei Frati Minori, diede inizio all’introduzione della sua causa di beatificazione. Nel 1983 le sue spoglie furono traslate dal cimitero di Matelica alla chiesa di S. Francesco.
Il 17 novembre 2001 si è concluso il processo diocesano.


Autore:
Antonio Borrelli

_____________________
Aggiunto il 2003-08-29

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati