Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione V > San Valerio (Valero) di Saragozza Condividi su Facebook Twitter

San Valerio (Valero) di Saragozza Vescovo e martire

22 gennaio

m. 305/315

Morì in esilio durante la persecuzione di Diocleziano. Patrono di Saragozza in Spagna.

Martirologio Romano: Commemorazione di san Valerio, vescovo di Saragozza in Spagna, che partecip˛ al primo Concilio di Elvira e, condotto a Valencia insieme a san Vincenzo, fu mandato in esilio.


Valerio nacque nel corso del sec. III. Secondo alcuni la sua città natale sarebbe stata Saragozza e si suppone la sua appartenenza alla famiglia Valeria che, lasciata Roma pochi anni prima della sua nascita, si sarebbe trasferita in Spagna. Non si hanno comunque particolari più precisi sulle sue origini e sul periodo che precede il suo episcopato. Durante l'impero di Diocleziano egli reggeva la Chiesa di Spagna e verso l'anno 300 partecipò con altri diciotto vescovi a un concilio che si tenne ad Elvira (Spagna), città che si trovava nelle vicinanze dell'attuale Granada. Nell'anno 303 gli imperatori Diocleziano e Massimiano avevano iniziato la persecuzione contro i cristiani e in quel tempo la Spagna era retta da Daciano, un crudelissimo persecutore. Questi fece imprigionare Valerio e il suddiacono Vincenzo e ordinò che insieme fossero condotti a Valenza. Qui giunti li fece rinchiudere in una orribile prigione e li lasciò per molto tempo con pochissimo cibo nella speranza di piegare la loro resistenza. Dopo gli interrogatori subiti a Valenza, Valerio fu condannato all'esilio e a questo punto hanno termine le notizie forniteci dagli Atti. Si narra che durante l'esilio ad Anet (Aragona) Valerio, appresa la notizia del martirio di Vincenzo, avrebbe fatto costruire una chiesa in suo onore. Dopo circa dodici anni di esilio, Valerio morì nel 315 ad Anet e il suo corpo fu sepolto dai cristiani del luogo in una chiesa che si trovava nell'interno della fortezza di Strada. La chiesa fu però distrutta da un incendio e la memoria del santo dimenticata per molti anni. Nel 1065 però, Arnolfo, vescovo di Rota, guidato da una rivelazione divina trovò le reliquie e le trasportò a Rota nella chiesa di S. Vincenzo. Il ricordo di questa traslazione viene celebrato tutti gli anni in questa chiesa il 20 ottobre. Il Martirologio Geronimiano ricorda Valerio insieme con san Vincenzo il 22 gennaio e il 31 ottobre. Il Martirologio Romano menziona Valerio il 28 gennaio. La città di Saragozza, di cui è patrono, lo ricorda il 29 gennaio.


Autore:
Francesco Antonio Angarano


Fonte:
Bibliotheca Sanctorum

_____________________
Aggiunto il 2003-12-26

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati