Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Testimoni > Madre Amedea (Caterina) Vercellone Condividi su Facebook Twitter

Madre Amedea (Caterina) Vercellone Clarissa Cappuccina

Testimoni

Biella, 12 novembre 1610 - Mondový, Cuneo, 13 aprile 1670


Caterina Vercellone nacque a Biella, dodicesima di quattordici figli, il 12 novembre 1610. La sua era una famiglia benestante, il padre aveva un posto di rilievo nel governo della città. Da entrambi i genitori ricevette una buona educazione e una profonda pietà cristiana e fin da piccola, anche se timida e talvolta scontrosa, si contraddistinse per intelligenza e determinazione. All'età di dieci anni rimase colpita dalle predicazioni che i Cappuccini tennero in città per l'incoronazione della Madonna d'Oropa nel vicino santuario, tanto da maturare qualche anno dopo il desiderio di consacrarsi al Signore come Clarissa Cappuccina. Proprio nel 1625 a Torino fu fondato un monastero dell’Ordine e Caterina, vinte le resistenze familiari, fu tra le prime quindici postulanti. Considerata inizialmente inidonea, fu accettata dopo un esame d'appello. Il 24 ottobre 1627, alla presenza dei Savoia, avvenne la solenne vestizione in Duomo. Al termine della funzione un corteo condusse le giovani in monastero: Caterina diveniva Suor Maria del Beato Amedeo.
La vita claustrale non è certo facile e suor Amedea doveva pure dominare i propri difetti, solo il profondo amore per Cristo le diede la forza di perseverare. Le sue singolari virtù cominciarono a manifestarsi e nonostante la giovane età acquisì autorevolezza. Per il monastero però, purtroppo, gli anni di quiete furono pochi. Nel 1638 scoppiò la guerra tra i pretendenti al trono, i principi Maurizio e Tommaso contro Madama Reale. Il cenobio, considerato pericoloso in quanto posto al di fuori delle mura, venne abbattuto. Nel 1641 le monache, sistemate provvisoriamente, elessero Badessa, a soli trent'anni, proprio Suor Amedea che portò avanti, tra molte difficoltà, i lavori di adattamento della casa. Due anni dopo ottenne da Roma le Costituzioni. Terminata la guerra, sempre col suo ruolo determinante, si trovò finalmente l’edificio in cui collocare stabilmente il monastero. Quella casa ospiterà le cappuccine fino alla soppressione napoleonica.
Nei pochi momenti di tranquillità, quando Amedea poteva finalmente ritirarsi nella sua cella per la preghiera personale, iniziarono a manifestarsi delle premonizioni su alcuni ecclesiastici della città. Le rivelazioni puntualmente si avverarono. Erano suoi confessori alcuni carmelitani che le comandarono di scrivere la "Relazione della propria vita". Le singolarità causarono però alcuni malumori sia all'interno della Comunità che fuori, fino a giungere all'Arcivescovo e a Madama Reale. Molti si rivolgevano alla Madre delle cappuccine per avere consiglio e conforto e proprio con Cristina di Francia nacque una grande amicizia che durò fino alla morte della Reggente. Intensa fu l'attività epistolare di suor Amedea, a tutti rispondeva con saggezza dicendo di confidare nella preghiera e di accostarsi ai sacramenti. Leggiamo nelle “Memorie”: "Iddio mi ha fatto conoscere che si serve di me, valendosi del niente per aiuto delle anime sue più care". Il suo consiglio fu prezioso e di incoraggiamento al momento di fondare la casa dell’Oratorio di S. Filippo a Chieri.
Con gli anni il fisico della Madre cominciò a debilitarsi. Le molte infermità, per le quali all'epoca si avevano pochi rimedi, sopportate con cristiana rassegnazione, le conferirono maggiore autorità morale. Madama Reale si affidò alle sue orazioni per la figlia Ludovica gravemente ammalata, facendo il voto di fondare un nuovo monastero di Cappuccine nei suoi territori. La Principessa tornò in salute e lo scioglimento del voto si concretizzò con la fondazione del monastero di Mondovì. Papa Alessandro VII autorizzò il Vescovo, Monsignor Beggiamo, ad aprire il nuovo cenobio con la guida della Vercellone. Il 7 giugno 1659 le designate lasciarono la capitale per raggiungere alcune postulanti che già attendevano. I locali del nuovo monastero erano però malsani e durante la prima visita di Madama Cristina apparve evidente la necessità di una nuova sistemazione. Venne scelta una casa a Mondovì Piazza e nuovamente Madre Amedea si mise all'opera per adattarla alla Regola. Si era fatta monaca contemplativa, ma dovette continuamente occuparsi di lavori di adattamento o di nuove fondazioni. A Mondovì la sua guida e il suo esempio formarono uno stuolo di vergini consacrate a Dio, mentre continuava a diffondersi la fama della sua santità. Aumentavano anche i malanni (ulcera, calcoli renali, artrite deformante, cecità) ma, come faceva da tempo, viveva le sofferenze guardando alla Passione di Cristo.
Spirò la notte del 13 aprile 1670 a 59 anni d'età, di cui 42 di professione religiosa. Si registrarono grazie e vennero raccolte le testimonianze per il processo di beatificazione che però non fu mai concluso. Nel 1726 il Canonico Gallizia scrisse la prima biografia. La salma apparirà incorrotta dopo diversi anni e successivamente ad ogni riesumazione. Dal 1965 è a Torino, custodita con amore nel monastero di Via Cardinal Maurizio. Nel 2007, finalmente, viene dato alle stampe il diario spirituale provvidenzialmente ritrovato e le numerose lettere scritte ai Savoia, conservate nell’Archivio di Stato di Torino, nella raccolta delle “lettere dei santi”. Dalle missive è evidente l’estrema indigenza in cui viveva la comunità, anche a causa dei continui trasferimenti. Traspare inoltre il forte carattere che la portò a dare consigli a Madama Reale circa la scelta del confessore di corte, a mediare con le autorità cittadine di Mondovì in occasione di disordini popolari, a perorare la causa di un condannato. Dalle relazioni, scritte per obbedienza a costo di grossi sacrifici, traspare infine il profondo misticismo e la perfetta adesione alla volontà divina della serva di Dio. Leggiamo: "Quanto sono obbligata a Dio, che verso di me ha avuto tanta pazienza! Egli è quel pellicano che si è lasciato squarciare il petto per dare a noi vita col suo Sangue prezioso. […] Il profitto che si riceve dal meditare di continuo la Passione di Nostro Signore è tale che non può l'uomo esercitarsi in tale meditazione senza crescere in virtù e ricevere grazie singolari. Io parlo per esperienza. […] Bisogna confessarsi chiaramente per umiliarci e mortificarci. Certe circostanze che non si accusano nelle confessioni e delle quali non si ha vero dolore sono come nebbie che impediscono all'anima di ricevere grazie speciali per servire Nostro Signore. […] Chi manca alle promesse fatte a Dio non deve poi tornare indietro, ma umiliarsi davanti a Lui, rinnovare i buoni proponimenti e fare ricorso alla Beatissima Vergine affinché lo aiuti ad incominciar di nuovo. […] Invece della scienza mi doni il Signore il suo santo amore che a me basta […] Quanto sono differenti dalla verità li giudizi delle creature, perciò non se ne deve far caso. […] Ho veduto talvolta la Vergine col volto turbato per le offese che si fanno contro il suo Divin Figlio, eppure tanta è la sua pietà che non cessa di pregare per noi come pietosa Madre di Misericordia. Guai a noi se non avessimo una tale interceditrice”. L’amore per Dio diventa amore per i fratelli: "Si devono tacere le parole che sono contro la carità del prossimo che deve essere compatito e scusato per quanto si può, quando se ne sente discorrere male e non contribuire alle altrui mormorazioni”.


PREGHIERA
Padre misericordioso, ti rendiamo grazie per le meraviglie che il tuo amore ha operato in Madre Maria Amedea Vercellone durante la sua esistenza terrena così feconda di bene.
Effondi su di noi i doni del tuo Spirito per renderci perseveranti nella via della santità attraverso le ordinarie vicende della vita quotidiana.
Nella tua immensa bontà, soccorrici nelle nostre presenti necessità, e se così a te piace concedi quanto ti chiediamo affidandoci alla preghiera di questa tua serva fedele.
Per Cristo Nostro Signore. Amen.

Per informazioni:
Monastero delle Cappuccine
Via Cardinal Maurizio, 5
10131 Torino
tel. 011/8197233
info.madreamedea@gmail.com


Autore:
Daniele Bolognini


Fonte:
www.madreamedea.blogspot.it

_____________________
Aggiunto il 2012-08-27

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati