Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it

> Home > Sezione N > San Nicola Owen Condividi su Facebook Twitter

San Nicola Owen Gesuita, martire

22 marzo

>>> Visualizza la Scheda del Gruppo cui appartiene

Oxfordshire, Inghilterra, 1550 circa - Londra, Inghilterra, 22 marzo 1606

Abile falegname, si dedicò alla costruzione di nascondigli per i cattolici, durante le persecuzioni in Inghilterra. Entrò come frate converso nella Compagnia di Gesù. Fu incarcerato, crudelmente torturato e ucciso durante il regno di Giacomo I.

Martirologio Romano: A Londra in Inghilterra, san Nicola Owen, religioso della Compagnia di Gesù e martire, che per molti anni costruì rifugi per nascondervi i sacerdoti e per questo sotto il re Giacomo I fu incarcerato e crudelmente torturato e, messo infine sul cavalletto, morì seguendo gloriosamente l’esempio di Cristo Signore.


Nicholas, nato ad Oxfordshire verso il 1550, era uno dei quattro figli di Walter Owen, un carpentiere di Oxford, che gli trasmesse una straordinaria abilità manuale. Uno dei fratelli divenne editore di libri cattolici, mentre gli altri due divennero sacerdoti. Nicholas lavorò a stretto contatto con i gesuiti per parecchi anni prima di entrare nel 1597 egli stesso nella congregazione quale converso. Era un ometto piccolino e rimase zoppo da quando un cavallo da soma gli cadde addosso rompendogli una gamba.
Il nome di Nicholas Owen compare la prima volta in relazione al più celebre Sant’Edmondo Campion, del quale pare fu servitore e ne prese le difese quando questi venne accusato di tradimento. Erano infatti gli anni delle persecuzioni anticattoliche, suscitate in Inghilterra dalla nascita della Chiesa Anglicana e fomentate dagli stessi sovrani inglesi, interessati a salvaguardare l’unità religiosa della nazione. Anche Nicholas venne arrestato nel 1581 ed incarcerato in condizioni assai dura. Quando fu liberato, sparì per un certo periodo, ma pare che poi dal 1586 al 1606 fu al servizio del padre provinciale gesuita, Henry Granet, con il quale viaggio molto, ospitato dai cattolici inglesi e costruendo rifugi per i missionari ricercati, opera quest’ultima in cui adoperò ogni sua energia ed in cui poté dimostrare tutto il suo ingegno.
John Gerard ebbe a scrivere di lui: “Davvero penso che nessuno abbia fatto più bene di lui tra tutti quelli che lavorarono nella vigna inglese”. Nel 1594 Nicholas andò a Londra con padre Gerard per l’acquisto di una casa, ma furono traditi da un tale che già aveva tentato di incastrarli. John Gerard e Nicholas Owen furono così arrestati e poi incarcerati separatamente. Nicholas fu torturato per ore insieme ad un suo compagno di prigionia, ma ostinandosi a non voler rivelare nulla fu rilasciato dietro il pagamento di cauzione. Continuò allora a frequentare Gerard e questi di conseguenza nel 1597 fu imprigionato nella Torre di Londra. Il suo discepolo fu però complice della sua spettacolare fuga e probabilmente fu anche lui a trovargli un sicuro nascondiglio.
Dalla fine del 1605, con la Congiura delle polveri, si accrebbero in Inghilterra i sentimenti di opposizione verso i cattolici, ma il segretario di stato venne a conoscenza del luogo ove Owen e tre confratelli si erano rifugiati, Hindlip Hill nel Worcestershire. Dopo una settimana di ricerche, Nicholas decise di uscire allo scoperto e consegnarsi volontariamente per tentare in tal modo di salvare la vita ai sacerdoti, ma i ricercatori lungi dal demordere scovarono comunque il nascondiglio. Padre Oldcorne ed Ashley vennero impiccati, sventrati e squartati nel 1606 a Worcester, mentre padre Garnet ed Owen vennero condotti a Londra.
Quest’ultimo fu crudelmente torturato per giorni sempre allo scopo di estorcergli informazioni circa le case che ospitavano sacerdoti ed in cui si celebrava l’Eucaristia. Infine venne appeso ai polsi, con dei pesi alle caviglie, e dopo sei il suo corpo si squarciò per la trazione. Non rivelò mai nulla di compromettente, limitandosi a ripetere i nomi di Gesù e Maria. Morì dopo una terribile agonia il 22 marzo 1606 presso Londra. Nicholas Owen fu beatificato nel 1929, insieme ad una folta schiera di martiri della medesima persecuzione, ed infine canonizzato il 25 ottobre 1970 da Papa Paolo VI insieme ai Quaranta Martiri d’Inghilterra e Galles.


Autore:
Fabio Arduino

_____________________
Aggiunto il 2007-03-17

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google

Album Immagini
Non vedi le immagini?
Clicca qui


CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati