Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione E > Sant' Earconvaldo Condividi su Facebook Twitter

Sant' Earconvaldo Vescovo

30 aprile

† 30 aprile 693

Martirologio Romano: A Barking in Inghilterra, transito di sant’Erconvaldo, vescovo, che fondò due monasteri, l’uno maschile, da lui stesso governato, l’altro femminile, guidato da sua sorella santa Etelburga.


Secondo Beda il Venerabile, grande storico ecclesiastico in Gran Bretagna, fu l’arcivescovo San Teodoro di Canterbury a designare nel 675 proprio Earconvaldo quale vescovo dei sassoni orientali, ponendo a Londra la sede episcpale, “uomo che visse in perfetta santità sia quando era vescovo, sia prima di esserlo, come tuttora testimoniano prodigi celesti”: i malati infatti guarivano miracolosamente se posti a contatto della lettiga sulla quale aveva viaggiato il vescovo, mentre altri venivano curati con schegge di elgno derivate dalla lettiga stessa.
La tradizione considera Earconvaldo di stirpe reale ed il suo stesso nome confermerebbe l’appartenenza alla real casa del Kent. Sicurametne era abbastanza ricco da permettersi la fondazione di ben due monasteri ancor prima di assumere la carica episcopale. Uno di questi, maschile, era sito a Chertsey nel Surrey, mentre l’altro, doppio, sorgeva a Barking nell’Essex, ove fu badessa sua sorella Santa Etelburga. Durante il episcopato aiutò a riappacificare San Teodoro e San Vilfrido, promosse l’ampliamento della cattedrale di San Paolo e la sua influenza convinse parecchi benefattori a donare vaste porzioni di terra alla Chiesa. Si narra che seppe dare al cristianesimo “basi solide in una diocesi famosa per le ricadute nel peccato” e fu lui stesso a consigliare il re Ine del Wessex nella stesura del fondamentale codice legale. E’ evidente che sotto la guida di questo santo pastore la Chiesa di Londra e più in generale dell’Inghilterra.
Alla sua morte, avvenuta il 30 aprile 693 probabilmente a Barking, le suore del posto reclamarono le sue spoglie, ma infine furono comunque sepolte nella cattedrale di San Paolo. Dal 1148 le sue reliquie furono poste sotto l’altar maggiore e nel 1326 furono nuovamente ricollocate in un nuovo reliquiario. Numerosi miracoli avvennero per intercessione del santo vescovo, che fu eletto nel Medio Evo celeste patrono di Londra.


Autore:
Fabio Arduino

_____________________
Aggiunto il 2007-04-15

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati