Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione J > Beato Juan Duarte Martín Condividi su Facebook Twitter

Beato Juan Duarte Martín Diacono e martire

15 novembre

>>> Visualizza la Scheda del Gruppo cui appartiene

Yunquera, Malaga, Spagna, 17 marzo 1912 – Álora, Malaga, Spagna, 15 novembre 1936

Juan Duarte Martín, diacono della diocesi di Malaga, è uno dei martiri della guerra civile spagnola. Arrestato dai miliziani il 7 novembre 1936, morì dopo una settimana di atroci torture, perdonando i suoi aguzzini e godendo in anticipo della visione del Signore. È stato beatificato per decreto di papa Benedetto XVI il 28 ottobre 2007, insieme ad altri 497 martiri.



Juan Duarte Martín nacque il 17 marzo 1912 a Yunquera, a sessantacinque chilometri da Malaga, quarto dei dieci figli, di cui sei sopravvissuti, nati dal matrimonio fra Juan Duarte Doña e Dolores Martín de la Torre, contadini. Ricevette il Battesimo tre giorni dopo la nascita e la Prima Comunione e la Cresima fra i sette e gli otto anni. Ai suoi fratelli sembrava che la vocazione al sacerdozio fosse qualcosa d’innato in lui, sin da bambino: il suo divertimento preferito era preparare piccoli altari e, durante la Settimana Santa, fare delle processioni per gioco. Era pure molto incline alla carità e chiedeva alla madre di soccorrere i poveri che bussavano alla loro porta.
I suoi genitori, quindi, non si stupirono quando dichiarò loro che voleva diventare sacerdote: gli unici dubbi erano dovuti agli scarsi mezzi economici di cui possiedevano. Per tranquillizzare il padre, Juan gli disse: “Non preoccuparti, Dio ti aiuterà”; così, a dodici anni, entrò nel Seminario di Malaga. Moltissimi testimoni hanno dichiarato che era serio, pio e servizievole verso i suoi compagni, al punto che regalava agli studenti più piccoli i libri che non gli servivano più. Quando tornava a casa per le vacanze non veniva meno ai suoi doveri di studio e di pietà e cercava di aiutare suo padre nelle faccende dei campi. Nel tempo libero, radunava i bambini che sentivano inclinazione al sacerdozio e, dopo aver tenuto delle brevi lezioni, li conduceva alla visita al Santissimo Sacramento o in gita presso alcune chiese in campagna. Tutte le sere, lui presente, la famiglia pregava il Rosario, dopo il quale, prima di andare a dormire, il giovane s’inginocchiava davanti alla porta di camera sua per l’esame di coscienza, come raccontò sua sorella Carmen, in seguito entrata fra le Carmelitane Scalze. I suoi studi compresero in tutto tre anni di Latino, due di Retorica, tre di Filosofia e quattro di Teologia.
In quegli anni, però, la vita iniziava a diventare difficile: l’11 marzo 1931 Juan uscì pressoché illeso dall’incendio della chiesa parrocchiale della Mercede di Malaga, dove si era rifugiato. Anche se la preoccupazione cresceva, egli era convinto che il Signore avrebbe trionfato e, dopo le vacanze, rientrò in Seminario e contribuì personalmente a ricostruirlo. Il 1 luglio 1935 fu ordinato suddiacono a Granada, mentre il 6 marzo 1936, nella cattedrale di Malaga, ricevette il diaconato. Nonostante i tempi critici, non perse occasione di rendere testimonianza a Cristo, correggendo fraternamente chi bestemmiava o si comportava in maniera scorretta in chiesa, come pure camminando per il paese con la veste talare: forse fu per questo che, il 18 luglio di quell’anno, casa Duarte venne per la prima volta perquisita da parte dei cosiddetti “rossi”.
Il 7 novembre, Juan era solo in casa con la madre e stava pregando il Breviario: avvisato dell’arrivo dei miliziani, si nascose nel porcile che era nel cortile di casa, ma dimenticò il libro di preghiere, che fu preso dai perquisitori. A causa della delazione di una vicina di casa, che l’aveva visto nascondersi, fu infine arrestato così com’era, in maniche di camicia, e condotto a “la Garipola”, una sorta di prigione municipale.
I persecutori volevano obbligarlo a bestemmiare, ma, visto che egli rispondeva solo. “Viva Cristo Re!”, lo prendevano a bastonate. Di fronte alla sua ostinazione, prepararono torture più atroci, come infilargli canne sotto le unghie o fargli prendere scosse elettriche ai genitali per due ore al giorno, tramite un cavo collegato alla batteria di un’automobile. Tale supplizio lo conduceva a confessare la sua fede con maggior coraggio, a tal punto che una volta, al pari di san Lorenzo, diacono anch’egli, arrivò ad avvisare i suoi aguzzini che non sentiva nulla perché il cavo si era staccato. Spesso, poi, veniva condotto attraverso il paese in groppa ad un asino, come a parodiare le processioni della Settimana Santa: per la gente, però, non si trattava di una presa in giro perché nel diacono, col volto e il corpo pieni di percosse, vedeva davvero Gesù sulla via del Calvario. Non ci furono solo atti di violenza verso di lui, ma anche gesti di pietà, come quello di una donna che riuscì a fargli avere una camicia pulita o di coloro che gli procuravano fortunosamente da mangiare e da bere. I persecutori provarono perfino a tentarlo nella purezza, introducendo nella sua cella una ragazza di sedici anni: dato che ella non riuscì nel suo intento, le fu ordinato di tagliargli i genitali con un coltello da barbiere.
Dato che nemmeno quel tormento era valso a qualcosa, i miliziani decisero di portare Juan presso il ruscello Bujia, a circa un chilometro da Álora, per ucciderlo. Dapprima lo aprirono con un coltello nella schiena, poi lo cosparsero di benzina e gli diedero fuoco. In mezzo alle fiamme, il diacono gridò: “Lo sto già vedendo!”. “Chi stai vedendo?”, chiese uno dei miliziani, finendolo con un colpo di pistola alla testa. Restò insepolto per alcuni giorni, finché un uomo lo seppellì presso un olivo.
Sette mesi dopo, i suoi familiari riuscirono a recuperare il suo corpo, che fu traslato da Álora a Yunquera il 3 maggio 1937 e, nel corso del processo di beatificazione, fu infine posto nella chiesa di Nostra Signora dell’Incarnazione a Yunquera, di fronte all’altare, il 17 novembre 1985. Il 28 ottobre 2007 è stato beatificato in piazza san Pietro, inserito nel gruppo di 498 martiri della guerra civile.

PREGHIERA:
Signore Gesù, che hai detto:
“Chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, a
nch'io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli”,
glorifica il Beato Juan Duarte, diacono e martire,
che non si vergognò di riconoscere il Tuo Santo Nome
in mezzo ai più grandi tormenti.
Concedimi, per i suoi meriti e la sua intercessione,
la grazia che ti chiedo per la tua infinita bontà.
Possa ciò accadere ad onore e gloria della Santissima Trinità
e per la diffusione del Tuo Regno qui sulla terra. Amen.
Padre nostro, Ave Maria, Gloria


Autore:
Emilia Flocchini

_____________________
Aggiunto il 2011-05-03

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati