Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Servi di Dio > Servo di Dio Giovanni Battista Manzella Condividi su Facebook Twitter

Servo di Dio Giovanni Battista Manzella Sacerdote vincenziano, Fondatore

.

Soncino, Cremona, 21 gennaio 1855 - Sassari, 23 ottobre 1937


Missionario vincenziano, nasce a Soncino il 21 gennaio 1855 (Cremona), cresce in una famiglia semplice di modeste condizioni economiche che tuttavia esprime una fede robusta ed una carità ampia e fruttuosa soprattutto nei confronti dei poveri e degli ultimi: il giovane Manzella assimila ben presto tali sentimenti che risuonano nella sua anima trasparente per sfociare, in età adulta, nella vocazione religiosa.
Non realizza subito il suo desiderio per contribuire all’economia familiare con il lavoro, inizialmente di materassaio; frequenta le scuole tecniche (è un appassionato di disegno e matematica) e svolge a lungo l’attività lavorativa in un negozio di ferramenta, dove, in seguito ad una “voce interiore”, ha la conferma della sua chiamata a servire Dio nei poveri e nei peccatori.
Il suo ardente amore per Dio e la sua ansia redentrice per i peccatori trovano la loro naturale canalizzazione nel carisma vincenziano che incarna con vera passione, soprattutto in quella tensione caritativa verso i poveri che saranno sempre la sua primaria disperata preoccupazione.
Il 25 febbraio 1893 è ordinato sacerdote e dopo aver ricoperto diversi incarichi nella sua Congregazione della Provincia di Torino, viene destinato alla Casa della Missione di Sassari: il 14 novembre del 1900 il Servo di Dio approda in Sardegna in uno dei periodi più drammatici della vita isolana per la realtà umana, sociale, religiosa di estremo degrado e per la povertà, materiale e morale, a tutti i livelli e in tutti gli stadi.
Da questo momento in poi non conosce tregua e per trentasette anni il missionario vincenziano percorre la Sardegna in lungo e in largo con i più svariati mezzi (anche a piedi!); nessun ostacolo lo può fermare in questa sua ricerca appassionata del povero, nel cercare e nel trovare sempre nuove e creative soluzioni, per la promozione umana e spirituale dei “poveri più poveri”.
In questa infaticabile e ininterrotta opera evangelizzatrice spende tutte le sue energie fisiche e spirituali, per dedicarsi all’apostolato in diversi ambiti: predicatore delle missioni popolari, formatore del clero, direttore di anime, ispiratore e realizzatore di molteplici opere caritative: ospizi, orfanotrofi, asili, assistenza dei poveri a domicilio, assistenza ai carcerati e tante altre forme di aiuto ai poveri e ai sofferenti.
Vero conquistatore di anime, il Servo di Dio non perde occasione per opporre la sua “parola di fuoco” al subdolo e infiltrante paganesimo materialista e filo-socialista, con cui in più occasioni, nel corso delle predicazioni delle missioni popolari, si confronta per argomentare con l’unica autentica parola: il Vangelo. Così scrive nel 1928:
Il linguaggio più bello della Chiesa di Dio è la carità. Questo è il segno per cui i cristiani di tutto il mondo si conosceranno (“La Carità”, 1928).   
Per tale motivo promuove il Movimento Cattolico e contribuisce alla fondazione del periodico settimanale “Libertà” e del periodico mensile “La Carità”.
Nel 1909 conosce Angela Marongiu, mistica sassarese, e ne diviene il suo direttore spirituale; solo dopo alcuni anni fonda insieme alla sua figlia spirituale, ispiratrice del carisma e preziosa collaboratrice orante nell’apostolato missionario, l’opera “manzelliana” più singolare: una comunità religiosa, la cui spiritualità trae origine dal mistero dell’agonia di Gesù nel Getsemani, con espressione apostolica finalizzata all’evangelizzazione e alla promozione umana dei poveri e degli ultimi. Nel 1927, nella solennità di Pentecoste, nasce ufficialmente nella Chiesa sarda l’Istituto delle Suore del Getsemani .
Padre Manzella muore a Sassari il 23 ottobre 1937, dopo alcuni giorni di agonia circondato dall’amore delle suore, dall’affetto e dalla stima di tante persone che accorrono da tutta la Sardegna, quando si diffonde la notizia della sua morte. Egli è sempre vivo nella memoria dei sardi e soprattutto lo è nel loro cuore; attualmente le spoglie mortali del Servo di Dio si trovano nella Cripta della Chiesa del SS. Sacramento in Sassari e sono oggetto di venerazione quotidiana da parte di numerosi devoti e fedeli che si affidano alla sua intercessione e preghiera, nell’auspicio di poterlo indicare al più presto nella Chiesa come modello di santità.


Autore:
Suore del Getsemani

______________________________
Aggiunto/modificato il 2012-08-06

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati