Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione P > Beato Pasquale (Paschal) de Castro Herrera Condividi su Facebook Twitter

Beato Pasquale (Paschal) de Castro Herrera Salesiano, martire

6 dicembre

>>> Visualizza la Scheda del Gruppo cui appartiene



Pasquale (Pascual) de Castro Herrera nacque il 2 settembre 1915 a Topas, di Salamanca.
Dopo aver deciso di diventare religioso, dal 1931, frequentò per quattro anni le scuole salesiane di Paseo de Extremadura e Carabanchel Alto a Madrid, distinguendosi come studente modello nello studio e nella disciplina.
Nelle relazioni in comunità era franco e spontaneo, viveva immerso nello studio. Inoltre era convinto che la confessione e la comunione dovessero essere più frequenti, in quegli anni in cui la Chiesa era perseguitata in Spagna.  Indicava il paradiso come un luogo di riposo per difficoltà e lote della vita.
Il 2 giugno 1933 scrisse in una lettera  alla sua famiglia: “Sapete che ai religiosi è stato proibito di insegnare, ma le case di formazione sono state rispettate; e se fosse necessario lasciare la Spagna, non dubito che andrei perche sono disposto a fare qualsiasi cosa ”.
Nell'estate del 1935 entrò nel noviziato di Mohernando (Guadalajara). “Quando la madre, in lacrime di fronte al Pasquale vestito con la tonaca, gli faceva notare il pericolo che stava affrontando se avesse continuato in seminario, rispose con grande coraggio:“ Mamma, che mi dici? cosa posso temeré nulla. La cosa peggiore che potrebbe accaderci è morire, ma in quel caso sarò felice. "
Il martire professò come salesiano, a Mohernando (Guadalajara), nel 1936. Lo stesso giorno della sua professione religiosa, precisamente il 23 luglio 1936, fu arrestato insieme a tutta la comunità.
Il 2 agosto fu trasferito nella prigione di Guadalajara e, il 6 dicembre 1936, fu fucilato in compagnia del suo direttore e di altri cinque giovani salesiani, i suoi compagni.
Pasquale visse le stesse vicissitudini della comunità salesiana di Mohernando, dall'inizio della persecuzione fino al 2 agosto. In quel giorno, sia lui che il suo direttore, Michele (Miguel) Lasaga e altri cinque compagni: Giovanni (Juan) Larragueta Garay, Luigi (Luis) Martínez Alvarellos, Florenzio (Florencio) Rodríguez Guemes, Eliodoro (Heliodoro) Ramos ed Stefano (Esteban) Vázquez, furono arrestati e portati nella prigione di Guadalajara. I sei giovani e il loro direttore rimasero in prigione a Guadalajara fino a quando non furono fucilati il ​​6 dicembre.
Il 6 dicembre 1936, sentendo l'imminenza della loro fine, ricevettero dal loro superiore l'assoluzione dei peccati, si radunarono in preghiera attorno al loro direttore fino a quando furono fucilati nella stessa prigione.
Pasquale de Castro Herrera è stato beatificato il 28 ottobre 2007 a Roma dal Cardinale José Saraiva Martins, prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi, durante la cerimonia di beatificazione di ben 498 martiri spagnoli.
La festa per il beato Pasquale de Castro Herrera è stata fissata nel giorno 6 dicembre.


Autore:
Mauro Bonato

______________________________
Aggiunto/modificato il 2019-11-22

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità