Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Testimoni > Lucilia Ribeiro dos Santos Condividi su Facebook Twitter

Lucilia Ribeiro dos Santos

Testimoni

Pirassununga, Brasile, 22 aprile 1876 - 21 aprile 1968


Nella spiritualità cattolica è usuale la raccomandazione della pratica dell'umiltà, della modestia e del distacco da sé. Di questo hanno dato esempio innumerevoli santi nel corso dei secoli. Tuttavia, un'altra grande verità deve esser ricordata: l'obbligo di riconoscere e lodare i meriti altrui, ogni volta che sia conveniente, sotto pena che chi non lo fa incorre nella colpa di omissione. Si tratta di un dovere di giustizia.
Tale è stato l'insegnamento del Divino Maestro nel Discorso della Montagna, vero compendio della dottrina cristiana: "non si accende una lucerna per metterla sotto il moggio, ma sopra il lucerniere [...]. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al vostro Padre che è nei cieli" (Mt 5, 15-16). Ossia, i buoni esempi devono esser conosciuti, perché è una maniera di glorificare Dio, fonte di ogni bene che può esserci in noi.
Per questa ragione la Chiesa promuove la solenne canonizzazione di persone che hanno praticato la virtù in grado eroico, in modo che servano da modello ai fedeli. Più che la mera dottrina, sono gli esempi che ci muovono a percorrere la via del bene.

Santi acclamati e venerati in vita
Vediamo, così, che il Divino Spirito Santo ispira anime virtuose adeguate a ogni epoca. Sono uno stimolo per i buoni e, in generale, autentiche pietre di scandalo per i peccatori, verso cui, per il loro modo di essere, sembrano urlare: "Non licet tibi!" (Mc 6, 18). E, a somiglianza di San Giovanni Battista, possono finire per essere martirizzate o relegate al più stretto ostracismo.
Nel meraviglioso caleidoscopio della santità, numerose sono le vie della Provvidenza per le anime. A volte, esistono santi le cui virtù sono riconosciute e acclamate in vita, ricevendo venerazione generale.
Celebre è il caso di Sant'Antonio di Padova, le cui predicazioni erano ascoltate da decine di migliaia di persone, inclusi Vescovi e sacerdoti. "Finito il sermone, irrompe l'entusiasmo; è un'ebbrezza incontenibile [...]. La moltitudine accorre dall'oratore. Desiderano vederlo da vicino, baciare la sua tunica o il suo crocefisso; arrivano a tagliare un pezzetto del suo vestito per portarlo con sé come reliquia. È necessaria, intorno a lui, una guardia di giovani robusti per proteggerlo, affinché non venga schiacciato dalla moltitudine". 1 Qualcosa di simile si verificò con San Giovanni Bosco a Parigi, dove era andato a chiedere donazioni per la sua opera. Nella Chiesa di San Sulpizio, si trovò in difficoltà. Impiegò un'ora per ritornare in sacrestia, tale era l'accumulo di fedeli che desideravano parlargli o chiedere una benedizione. "Egli conquistò il cuore e l'immaginazione dei parigini con un'unione straordinaria di grandezza e di semplicità, di gravità e di gioia. Egli turbava; poi entusiasmava". 2 Le stesse scene si ripeterono nelle altre città francesi che il santo della gioventù visitò.

Ignorata dalla maggioranza degli uomini
Altri, tuttavia, percorrono una via appartata su questa Terra, essendo poco compresi persino dai più prossimi, iniziando la loro azione su un gran numero di anime soltanto dopo la morte. Questi possono prendere per sé come eccelsa patrona la stessa Madre di Dio, che ha condotto una vita nascosta, ignorata dalla maggioranza degli uomini, ma ammirata da tutta la corte celeste e dallo stesso Gesù.
Tra le numerose anime incluse in questa categoria, bisogna citare Santa Teresina del Bambino Gesù, che visse nel XIX secolo e di cui si conservano numerose fotografie, tutte rappresentative delle sue eccezionali virtù.
Essendo entrata molto giovane nel Carmelo e scomparsa a 24 anni, ci sarebbe poco da raccontare della sua vita se non ci fossero i Manoscritti Autobiografici scritti su ordine della superiora che, a proposito, era una delle sue sorelle di sangue. Infatti, la lettura di quest'opera rivela la grandezza d'animo della iniziatrice della Piccola Via di santificazione, aprendo il passo alle nuove generazioni, così fragili e incapaci di imitare i santi dei grandi sacrifici e delle grandi generosità. La sua vita servì talmente tanto da stimolo alle anime che, in poco tempo, varie edizioni dell'opera si esaurirono, con sorpresa del Carmelo di Lisieux. Le grazie e i miracoli si moltiplicarono, come compimento della promessa della santa di inviare una pioggia di rose sulla Terra. Da sconosciuta in vita, oggi Santa Teresina viene annoverata tra le sante più popolari ed è inclusa nel privilegiato ruolo dei Dottori della Chiesa.

A 91 anni, si preoccupava per gli altri
Per coincidenza, coetanea di questa stessa santa, visse in Brasile una persona di qualità eccezionali, il cui esempio di vita costuma esser di grande profitto per le anime. Si tratta di donna Lucilia Ribeiro dos Santos Corrêa de Oliveira, madre di un eminente leader cattolico del XX secolo, il Dr. Plinio Corrêa de Oliveira.
Allo scopo di divulgare la sua vita, è appena stata pubblicata la biografia di donna Lucilia, scritta da Monsignor João Scognamiglio Clá Dias, EP, profusamente illustrata da fotografie che parlano da sè, tale l'espressività della sua fisionomia traboccante di dolcezza e di benevolenza incondizionata.
Come esempio di madre cattolica, che non ha mai operato fuori della famiglia, potrà servire da ispirazione a innumerevoli persone dei nostri giorni, le cui vite si svolgono anch'esse in seno alla famiglia. I numerosi fatti narrati rivelano com'è possibile svolgere le mansioni quotidiane con molta elevazione d'animo, riportando tutto al soprannaturale e a Dio Nostro Signore. Come dice San Giovanni della Croce, alla fine della vita saremo giudicati secondo l'amore a Dio, e non secondo l'esteriorità delle nostre opere.
Alcuni atteggiamenti di donna Lucilia possono darci un'idea della carità che la animava. Nel passato 1968, seguendo la convalescenza del Dr. Plinio, che si stava riprendendo da una grave crisi di diabete e si era sottoposto a un serio intervento chirurgico, l'autore ebbe l'occasione di ammirare la straordinaria dolcezza, soavità e bontà di tratto di donna Lucilia. Si preoccupava per il bene degli altri e si dimenticava di sé, dando prova di una generosità straordinaria. Così, una volta, su indicazione medica, l'autore dovette farle un'iniezione; donna Lucilia fissò il giovane che si avvicinava con la siringa e disse: "Ora, ma proprio questa sera di sabato, io le sto dando questo disturbo! Mi scusi se le ho scombinato il suo programma". Terminato il procedimento, prima che il giovane se ne andasse, lei aggiunse ancora: "Mi è dispiaciuto molto averle causato questo contrattempo". A donna Lucilia non importava il suo malessere; a 91 anni, si preoccupava più degli altri che di se stessa.
Questa dimenticanza di sé incantava tutti coloro che erano in contatto con lei. Un giorno, incontrò nell'appartamento due giovani che leggevano mentre aspettavano di essere chiamati dal Dr. Plinio. Lei subito intervenne: "I signori mi permettono un suggerimento? Io ho fatto molte imprudenze nella mia vita, leggendo e forzando la vista in luoghi poco illuminati. E ora vi vedo in questa hall d'ingresso, che non è proprio indicata per la lettura. Ogni volta che ho bisogno di distrarmi sfogliando album o riviste, uso la sala da pranzo, che ha molta luce, e siccome io non ci torno più, voi potreste trasferirvi là. Sono sicura che ci vedreste meglio in quell'ambiente". Non si limitò a questo la sua sollecitudine. Per due volte, mandò a verificare che la sua offerta fosse stata accettata. La terza, la cameriera chiese che i due giovani facessero il favore di passare alla sala da pranzo, poiché donna Lucilia non si sarebbe tranquillizzata fin tanto che questo non fosse avvenuto. Sono cortesie, frutto dell'autentica carità, sconosciute al mondo moderno...

"Ti ho interamente"
Se non tutti la compresero e valorizzarono, un riconoscimento lei lo ebbe durante tutta la sua vita: quello del Dr. Plinio, che chiamava il suo "figliolo". Quando era ormai ottuagenaria, vedova, incrociando il Dr. Plinio nel corridoio dell'appartamento in cui abitavano, gli mise le mani sulle spalle e, fissandolo in fondo agli occhi, disse: "Figliolo, ho soltanto te, ma ti ho interamente".
Una volta, dopo un soggiorno del Dr. Plinio di circa due mesi in Europa, donna Lucilia lo guardò ttentamente quando si rividero, concludendo felice: "Figliolo, grazie a Dio, sei sempre lo stesso!". Da madre diligente, si preoccupava della perseveranza del figlio nelle battaglie e pericoli del mondo.
Nella sua nobiltà d'animo, non era attaccata nemmeno a vantaggi materiali o di prestigio sociale. In un'occasione in cui una determinata iniziativa del Dr. Plinio non ottenne successo, lei non si intristì. Quando le chiesero quale fosse la ragione di questa indifferenza, rispose che se ciò fosse andato a buon fine, suo figlio si sarebbe assentato da casa per lunghi periodi, dovendo abitare in un altro Stato, e la loro frequentazione sarebbe diminuita molto. Questo le avrebbe causato della sofferenza, poiché, come commentò all'occasione, "vivere è stare insieme, guardarsi e volersi bene". Questa era, insomma, la sua massima, con la quale regolava con vera carità il rapporto con il prossimo.

Si avviò verso la morte con serenità
"Talis vita, finis ita", recita il detto latino. Un'esistenza condotta con tale spirito cristiano e altruismo doveva avere una fine coerente. Così, lei si avviò verso la morte in tutta serenità. La mattina del 21 aprile 1968, racconta il libro, "con gli occhi ben aperti, rendendosi perfettamente conto del solenne momento che si avvicinava, si sollevò un po', fece un grande segno della croce e, con intera pace dell'anima e fiducia nella misericordia divina, si addormentò nel Signore...".
Cominciava, così, insieme a quelli che vanno a pregare sulla sua tomba, e anche per l'azione della sue fotografie, un torrente di grazie che cresce ogni giorno, incoraggiando alla pratica della virtù le innumerevoli anime bisognose di sollievo, luce e pace.


Fonte:
www.it.arautos.org

______________________________
Aggiunto/modificato il 2019-11-29

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità