Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Servi di Dio > Servo di Dio Jean Jacques Bazin Condividi su Facebook Twitter

Servo di Dio Jean Jacques Bazin Sacerdote e fondatore

.

Frênes di Orne, Bassa Normandia, Francia, 2 aprile 1767 - Sées, Francia, 15 novembre 1855

Canonico della diocesi di Sées e fondatore delle suore della Misericordia



Nascita e primi studi
Jean Jacques Bazin nacque il 2 aprile 1767 a Frênes di Orne, nella Bassa Normandia in Francia. Nella famiglia di Michel Bazin, un proprietario coltivatore e Marie-Anne Buffard, nacquero otto figli, sei maschi e due femmine.
Dopo i primi anni alla scuola del villaggio, Jean Jacques entrò nel collegio reale di Vire dove frequentò gli studi di filosofia. Successivamente frequentò il seminario universitario di Caen (Calvados), tenuto dagli Eudisti.
Il 18 settembre 1790, a Bayeux ricevette il diaconato, mentre in Francia c’era la rivoluzione.

In esilio
Jean Jacques Bazin, rifiutandosi di prestare giuramento sulla costituzione civile del clero, fu internato nella prigione di Domfront. Il 4 settembre 1792 fu condannato alla deportazione ed esiliato nell’isola inglese di Jersey.
Durante il suo esilio, due mesi più tardi, proprio su quell’isola, il 25 novembre fu ordinato sacerdote da mons. Augustin-René-Louis Le Mintier, ultimo vescovo di Tréguier, anche lui esiliato.
Poco più tardi si rifugiò a Londra, dove rimase dal 1793 al 1801. Qui fece una vita “austera, povera, nascosta e silenziosa, in intesa unione  con Dio, studiando le Scritture e i Padri della Chiesa”.

Ritorno in Francia
Il giorno 9 giugno 1802, Jean Jacques Bazin ritornò in Francia e trovò la Chiesa in uno stato di degrado e di miseria.
La chiesa di Sées, dopo la dura prova della rivoluzione doveva essere rimessa in piedi specie nelle sue parrocchie. Dapprima, padre Bazin fu nominato curato, dapprima nella parrocchia di Saint-Pierre d’Entremont, e poi di Clairefougière. In questa parrocchia, dove rimase per sei anni, egli visitò tutte le famiglie e si s’impegnò a garantire l’amministrazione dei sacramenti a tutti i suoi parrocchiani.

Rettore del seminario e vicario della diocesi
Nel 1809, il vescovo mons. Hilarion-François de Chevigné de Boischollet lo nomina rettore del seminario maggiore di Sées, aperto nel 1805, dove c’erano solo 20 seminaristi. Don Bazin mantenne tale incarico per ventisette anni, dal 1809 al 1836.
Dopo l’arresto del vescovo e la sua morte, don Bazin egli si oppose con fermezza alla nomina da parte di Napoleone I, di mons. Canon Baston vescovo; nomina non condivisa da Pio VII.
Dopo il ritiro di mons. Baston, Jean Jacques Bazin fu nominato vicario capitolare della diocesi.
Con la sede vacante tra gli anni 1812-1817, il Bazin eserciterà, fino all’anno 1819, un ruolo fondamentale nella restaurazione della diocesi.
Con il nuovo vescovo della diocesi, mons. Alexis Saussol, fu nominato vicario generale della diocesi e fu incaricato di fondare anche un piccolo seminario.
Per diciassette anni Jean Jacques Bazin assicurò la formazione spirituale di oltre 130 chierici del seminario maggiore e di 35 allievi del seminario minore.

Verso la fondazione di una comunità religiosa femminile

Tra gli anni 1818-1822 i poveri delle zone rurali non hanno accesso all'assistenza sanitaria gratuita. Gli ordini religiosi femminili sono riservati esclusivamente alle ragazze che avevano una ricca dote. Le ragazze più povere, desiderose di consacrarsi a Dio erano escluse.
Partendo da queste osservazioni, Jean Jeacques Bazin pensò di creare una comunità di suore nelle aree rurali impegnate nell’assistenza gratuita ai più poveri e agli ammalati.
Nel 1818 tentò di fondare le Suore delle Misericordia di Sées, una comunità dove prevedeva potessero entrare anche quelle ragazze, prive di dote, e che volevano impegnare la propria esistenza nella visita e nell’assistenza degli ammalati e dei poveri nelle loro famiglie.
Ma questo primo tentativo fallì.

Fondatore delle Suore della Misericordia
Nel 1822 ritentò la fondazione delle Suore della Misericordia, e in questo suo secondo tentativo l’opera prosperò. Il giorno 21 marzo 1823 le prime cinque suore emisero i loro voti e nello stesso giorno Alexis Saussol, vescovo di Sées, approvò il regolamento preparato per loro da Jean Jacques Bazin.
All’inizio le suore si guadagnavano da vivere filando la lana durante il giorno e alla sera e durante notte assistevano gratuitamente gli ammalati che ne avevano bisogno.
Nel 1825 le "figlie" di Jean Bazin, come gli piace chiamarle, prendono lezioni all'ospedale di Alençon. Più tardi le invierà a Bon Sauveur de Caen, al suo amico d'infanzia François Jamet.
Con l'aumento del numero delle postulanti,  padre Bazin decide di aprire altre comunità, nella diocesi. Partendo da Alençon. Nel 1928 si apre una seconda fondazione a Falaise, e a novembre è la volta di Mortagne-au-Perche.
In tre anni l’istituto cresce e furono aperte ben tredici comunità.
L’Istituto, ottenne il pontificio decreto di lode il giorno 8 luglio 1831; fu riconosciuto civilmente nel 1839 e le sue costituzioni furono approvate definitivamente il 25 ottobre 1943.
Per Guy Fournier padre Jean-Jacques Bazin è stato un “pioniere, uno dei primi che ha voluto l’assistenza domiciliare”.
Nel 1836 il nuovo vescovo mons. Mellon de Jolly, male informato prima del suo arrivo in diocesi, decide di revocare la nomina di tutti i vicari della diocesi, facendo perdere a padre Jean Jacques Bazin anche la direzione delle Suore della Misericordia. Padre Bazin si ritirò a Tinchebray.
Nel 1838, Padre Jean-Jacques Bazin diventa canonico a vita decidendo di dedicarsi alla vita contemplativa fino alla sua morte avvenuta a Sées il giorno 15 novembre 1855.

Il processo di beatificazione
Il processo di beatificazione di padre Bazin fu introdotto a Roma il 12 settembre 1949. Il 22 maggio 1953 la Santa sede ne approvò gli scritti.

Preghiera
Santissima Adorabile Trinità
che hai dato a padre Jean Jacques Bazin
un grande amore per le anime,
per i poveri e gli ammalati,
che gli hai comunicato uno zelo ammirevole
per la santificazione delle anime sacerdotali,
che lo hai ispirato a fondare
una Congregazione di Suore
che si prendessero cura degli ammalati
per raggiungere le anime curando i corpi;
noi Ti supplichiamo,
se questa è la tua volontà,
fa che il tuo umile servitore
sia glorificato dalla Chiesa
e, per la guarigione di . . . .
degnaTi di manifestare la sua fiducia
presso di Te. Amen.


Autore:
Mauro Bonato

______________________________
Aggiunto/modificato il 2020-03-21

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità