Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Chiese Orientali Ortodosse > San Demetrio Benevolenskij Condividi su Facebook Twitter

San Demetrio Benevolenskij Sacerdote e martire

(Chiese Orientali)

>>> Visualizza la Scheda del Gruppo cui appartiene

10 ottobre 1883 - 27 novembre 1937


Dimitrij Michajlovich Benevolenskij nacque il 10 ottobre 1883 nella città di Volochk, governatorato di Tver. Studiò prma nel seminario di Tver e poi all’Accademia teologica di Pietrogrado che terminò nel 1909. Nel 1911 si sposò con Anna Tichmandrickaja, che compiva 16 anni, e il 21novembre dello stesso anno venne ordinato sacerdote e destinato alla chiesa del villaggio Ostrovno. Sacerdote zelante, curava particolarmente la bellezza della Divina Liturgia, e in modo tutto speciale il canto liturgico.
Nel gennaio 1929 il partito comunista sottoscrive un documento in cui lamenta la debolezza di alcuni segretari di partito nell’intervenire amministrativamente e ‘legalmente’ contro i membri del clero “essendo l’unica organizzazione legale controrivoluzionaria che ha influsso sulle masse” Il 16 gennaio 1929,allora parroco a Panoshina, viene arrestato assieme al laico Aleksandr Shchegolev starosta (presidente del consiglio parrocchiale), accusati di aver organizzato una solenne processione nella festa di S. Nicola. Il popolo cristiano interviene con una petizione per ottenere la liberazione di padre Dimitrij e dello starosta. Durante il processo il giudice spiega: “Non li condanniamo perché sono credenti, perché essi pregano, ma li incriminiamo per sfruttare le icone allo scopo di ottenere un guadagno materiale e suscitare la superstizione fra le masse… certo la religione è falsità ed è nociva alla società, ma la legge permette loro di credere liberamente...” Tutto sommato, gli imputati sono condannati ad una pena relativamente mite, dato i tempi. Padre Dimitrija una multa di cento rubli e lo starosta a sei mesi di prigione. Nello stesso tempo i tre figli di padre Dimitrij vengono allontanati dalla scuola, come elementi nocivi. Libertà di credere certamente, ma che nessuno lo sappia. Sono i primi pronunciamenti del laicismo fondamentalista.
Nel gennaio 1930 gli attivisti del partito iniziano la campagna per abbattere le campane e chiudere la chiesa. Parroco e fedeli reagiscono immediatamente e si riuniscono in massa attorno alla chiesa. I comunisti capiscono che l’anima della resistenza è il prete. In via del tutto confidenziale e gentile gli fanno capire che il tempo della chiesa sta per tramontare. Il partito non ha alcuna intenzione di fare dei martiri. Se padre Dimitrij, di sua spontanea volontà, decidesse di cambiare mestiere e deponesse l’abito talare, i comunisti, da buoni compagni sarebbero disposti a venirgli incontro. Padre Dimitrij risponde con poche parole: “ Sono convinto della verità della mia fede e non rinuncerò mai al mio sacerdozio”.
Di conseguenza il 5 febbraio 1930 padre Dimitrij viene arrestato assieme allo starosta Ivan Il’ich Kolokol’cev e padre Pavel Bogojavlenskij. Padre Pavel è accusato di aver annunciato durante una predica in chiesa che il partito comunista aveva intenzione di chiudere la Chiesa. Anche Ivan Kolokol’cev viene accusato di essersi opposto alla chiusura della chiesa dopo che il partito aveva apertamente dichiarato di farlo.
Il 25 aprile 1930 fu condannato a tre anni di lager con la condizionale. Padre Dimitrij e Ivan Kolokol’cev a tre anni di confino.
Nel maggio 1933, scontata la pena padre Dimitrij, su disposizione del vescovo Faddeev, prese servizio nel villaggio Sinevo - Dubrovo, sempre nella diocesi di Tver.
Il 20 novembre padre Dimitrij viene imprigionato su denuncia del presidente del Kolchoz che depone: “Il cittadino Dimitrij Benevolenskij ha una mentalità ostile e antisovietica e raccoglie attorno a se elementi estranei come classe che assieme a lui si occupano di attività controrivoluzionaria”. Nessun fatto che possa condannarlo, basta la solita formula suggerita dal partito.
Il 25 novembre padre Dimitrij Benevolenskij viene condannato alla fucilazione.
Il 27 novembre 1937 viene fucilato e gettato nella fossa comune, “la fossa fraterna” come veniva chiamata.


Autore:
Padre Romano Scalfi


Fonte:
www.culturacattolica.it

______________________________
Aggiunto/modificato il 2020-05-04

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità