Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Chiese Orientali Ortodosse > Santi Alessio Uspenskij e Basilio Shikalov Condividi su Facebook Twitter

Santi Alessio Uspenskij e Basilio Shikalov Martiri

(Chiese Orientali)

>>> Visualizza la Scheda del Gruppo cui appartiene

+ 21 settembre 1937


Aleksej Glebovich Uspenskij nacque il 22 settembre 1879 nel villaggio di Shola, governatorato di Novgorod.. Compiuti gli studi nel seminario teologico fu ordinato sacerdote. Dopo aver svolto il suo ministero in varie parrocchie della diocesi di Novgorod, verso la fine degli anni venti, in conseguenza di frequenti spostamenti dovuti alle attenzioni paterne del regime, trovò rifugio nella diocesi di Tver.
Per eliminare i sacerdoti, prima di tutti i più intraprendenti, il partito comunista usava imporre alla parrocchia tasse così esorbitanti che superavano ogni possibilità di essere pagate dalla comunità parrocchiale. In questo caso il parroco veniva arrestato. Anche padre Aleksij venne arrestato come insolvente, espropriato di tutti i suoi averi e condannato a sei mesi di lager. A casa (meglio sulla strada) rimaneva la moglie Vera, una bambina di otto anni e due bambini rispettivamente di sei e di tre anni
Scontata la pena padre Aleksij ritorna nella diocesi di Tver e si mette a disposizione del Vescovo Nikifor che lo designa alla parrocchia dell'Assunzione – Bologovskij che riuniva alcuni villaggi. Padre Aleksej non si accontentava di celebrare la Divina Liturgia, ma frequentava le famiglie in difficoltà, portava i sacramenti agli infermi e, cosa veramente grave e pericolosa, insegnava il catechismo ai bambini. Sotto la sua guida la vita religiosa dei villaggi riprendeva anima e coraggio. Quando lui celebrava, la chiesa si riempiva all'inverosimile; anche le mogli dei comunisti si facevano vedere in chiesa; la gente riprendeva l'abitudine di far battezzare i figli, perfino ufficiali d'alto grado dell'Armata Rossa di notte bussavano alla porta dell'abitazione di padre Aleksij per chiedere che fosse battezzato il loro figlio. Fra tanti che si rivolgevano a lui non si poteva evitare che ci fosse qualche agente spia. Venne denunciato di propaganda antisovietica e arrestato il 2 settembre 1927 assieme allo starosta (presidente del consiglio parrocchiale) Vasilij Shikalov.
Vasilij Jakovlevich Shikalov era nato il 12 aprile 1875 nel villaggio Bol'saja Dubrovna. Ortodosso convinto, fin dalla sua giovinezza partecipava attivamente alla vita parrocchiale. Durante il periodo della collettivazione della campagna, i comunisti gli avevano imposto una consegna del prodotto agricolo che superava di molto il raccolto. Per non aver potuto assolvere quanto richiesto, venne arrestato, privato di ogni avere e condannato a cinque anni di lager. Scontata la pena, riprende a lavorare in parrocchia dove viene nominato presidente del consiglio parrocchiale (starosta).
Il 6 settembre 1937 padre Aleksij viene interrogato.
- all'inchiesta risulta che lei, cittadino Uspenskij, assieme allo starosta Shikalov, ha svolto attività
antirivoluzionaria: Che cosa può dire in proposito?
- All’inchiesta risulta che lei, cittadino Uspenskij, assieme allo starosta Shikalov, ha svolto attività antirivoluzionaria: che cosa può dire in proposito?
- Sì, io, in qualità di sacerdote, ho battezzato nei villaggi bambini nelle case della popolazione, di nascosto dagli organi del potere sovietico. Io non avevo diritto di farlo perché, secondo le disposizioni, queste attività avrei dovuto svolgere in chiesa. Inoltre io, assieme allo starosta abbiamo distribuito delle crocette da mettere al collo e delle piccole icone assieme ad immaginette con preghiere, allo scopo di rafforzare la fede. Durante le preghiere per i defunti io ricordavo lo zar Nicola ed Alessandro. Lo facevo senza particolare intenzione da parte mia
- Dall’inchiesta è noto che in casa lei faceva delle riunioni e leggeva la Bibbia e svolgeva propaganda antirivoluzionaria.
- La Bibbia la leggevo con mia moglie dal 1909 fino al giorno in cui venni arrestato.
Il 19 settembre 1937 padre Alessio e lo starosta Vasili furono condannati a morte. Fucilati il 21 settembre 1937.


Autore:
Padre Romano Scalfi


Fonte:
www.culturacattolica.it

______________________________
Aggiunto/modificato il 2020-05-08

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità