Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Chiese Orientali Ortodosse > San Sergio Pavlovich Kedrov Condividi su Facebook Twitter

San Sergio Pavlovich Kedrov Sacerdote e martire

(Chiese Orientali)

>>> Visualizza la Scheda del Gruppo cui appartiene

10 agosto 1880 - 16 novembre 1937


Sergej Pavlovich Kedrov nasce il 10 agosto 1880 nel villaggio Kostantinovo, governatorato di Mosca. Compiuti gli studi al seminario teologico di Mosca nel 1901, per alcuni anni insegna in una scuola parrocchiale. Nel 1908 sposa Aleksandra Zverev e il 17 ottobre dello stesso anno viene ordinato sacerdote e destinato al servizio della chiesa della SS. Trinità nel villaggio Faustovo, una parrocchia di 1.500 abitanti.
Nel 1922 padre Sergij è arrestato per opposizione all’esproprio dei beni preziosi della chiesa e condannato a cinque anni di lager, ma dopo un anno e mezzo ottiene il condono e può ritornare alla sua parrocchia. Alla fine degli anni venti si ammala gravemente di tifo. Alla moglie Aleksandra che chiede notizie sulla situazione del marito, il medico risponde che non ci sono speranze di guarigione. Aleksandra fa un voto alla Madonna di visitare un suo santuario ogni domenica (per un certo periodo) distante 25 kilometri. La Madre di Dio concede la grazia e conserva padre Sergij alla la corona del martirio.
Per più di venti anni padre Sergij resta parroco a Faustovo, stimato e amato perfino da non pochi comunisti. I fedeli trascrivevano le sue prediche e le diffondevano fra chi non poteva venire in chiesa. Era un predicatore semplice, ma pieno di amore per la sua missione. Riportiamo brevi brani della sua predicazione conservata dai fedeli: “Nei sacramenti riceviamo il perdono dei nostri peccati, ci pacifichiamo con Dio e diventiamo degni di ricevere da Lui la sua misericordia ed il suo aiuto. Riceviamo da Lui la forza che ci irrobustisce sia nelle situazioni normali come in quelle straordinarie. Anche la preghiera diventa più pura e più fervente, Si rafforza anche la speranza in Dio e non abbiamo più paura delle avversità. Prega ed il Signore ti aiuterà a superare tutti i tuoi peccati, soltanto prega con fervore. Il Signore conosce la nostra debolezza umana, la sopporta e perdona infinite volte.”
La notte del 25 ottobre giungono le milizie comuniste per arrestare padre Sergij. Egli chiede soltanto di poter pregare. Prega a lungo e le milizie attendono e poi si scusano di doverlo portare il prigione. Il 15 novembre il tribunale della Trojka condanna padre Sergij alla pena capitale, Il 16 novembre 1937 viene fucilato al poligono di Butovo e sepolto in fossa comune.


Autore:
Padre Romano Scalfi


Fonte:
www.culturacattolica.it

______________________________
Aggiunto/modificato il 2020-05-12

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati . Pubblicità