Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Gruppi di Martiri > Beati Martiri Spagnoli della Diocesi di Córdoba Condividi su Facebook Twitter

Beati Martiri Spagnoli della Diocesi di Córdoba

.

>>> Visualizza la Scheda del Gruppo cui appartiene

† Spagna, 1936/1939


Durante i pontificati di Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco è aumentato esponenzialmente il numero di martiri spagnoli del XX secolo elevati agli onori degli altari, dopo la battuta d’arresto che le loro cause avevano subito ai tempi di Paolo VI. Undici martiri canonizzati, quasi duemila Beati. Da pochi giorni si aggiungono altri centoventisette, dei quali il Pontefice il 23 novembre ha riconosciuto il martirio in odio alla fede cattolica.
La situazione politico-sociale esistente in Spagna nel periodo della guerra civile (1936/1939) è storicamente ormai nota, come pure il clima di persecuzione che i miliziani repubblicani instaurarono nei confronti di tutti coloro che si professavano membri della Chiesa cattolica, fossero essi consacrati o fedeli laici.
Il sacerdote Juan Elías Medina ed altri centovetisei Servi di Dio furono uccisi fra il 1936 ed il 1939. Gli eccidi si verificarono in tre vicarie della diocesi di Córdoba: vicaría de la Campiña, vicaría del Valle del Guadalquivir, vicaría de la Sierra. Altri invece vennero uccisi in altri luoghi della diocesi. Il gruppo si compone di  79 sacerdoti, 5 seminaristi, 3 frati francescani, 1 religiosa e 39 fedeli laici, dei quali 29 uomini e 10 donne.

I 79 sacerdoti di Cristo morti martiri, dei quali riportiamo anche gli incarichi pastorali, sono:
99035 - Juan Elías Medina (1902-1936), parroco di Castro del Río.
- Francisco Alarcón Rubio (1897-1936), parroco di El Viso de los Pedroches.
- Diego Albañil Barrena (1903-1936), amministratore parrocchiale di Argallón.
- Francisco Álvarez Baena (1880-1936), collaboratore del Vescovo per l’apostolato nel mondo del lavoro.
- Manuel Arenas Castro (1899- 1936), parroco di Fuente Tójar e Castil de Campos.
- Leovigildo Ávalos González (1876-1936), viceparroco a Posadas.
- José Ayala Garrido (1883-1936), parroco a Castro del Río.
- Diego Balsameda López (1876-1936), viceparroco a Cabeza de Buey.
- Blas Jesús Barbancho González (1906-1936), collaboratore pastorale a Villaviciosa.
- Francisco Barbancho González (1905-1936), viceparroco a Belalcázar
- Doroteo Barrionuevo Peña (1902-1936), amministratore parrocchiale a Aldea de Cuenca.
- Francisco Bejarano Fernández (1877-1936), collaboratore pastorale ad Añora.
- Antonio Benítez Arias (1907-1936), viceparroco a Castro del Río.
- Antonio Blanco Muñoz (1871- 1936), cappellano delle carceri.
- Miguel Borrego Amo (1899-1936), collaboratore pastorale a Fuente la Lancha e Adamuz.
- Pablo Brull Carrasco (1881-1936), parroco a Baena.
- Antonio Cabrera Carrasco (1907-1936), viceparroco a Pedroche.
- Cándido Del Cacho Cruz (1886-1936), collaboratore pastorale a Fuente Obejuna.
- Santiago Calero Redondo (1869-1936), parroco a Villa del Río.
- Adolfo Bonifacio Camacho Caballero (1881-1936), viceparroco a Monterrubio e Castuera.
- José Camacho Moreno (1891-1936), parroco a Belalcázar.
- Alfonso Canales Rojas (1905-1936), collaboratore pastorale ad Almodóvar del Río e Pedro Abad.
- Juan Cano Gómez (1863-1936), viceparroco a Bujalante.
- Acisclo Juan Carmona López (1881-1936), parroco a Doña Rama e a El Hoyo.
- Ignacio Carretero Sobrino (1879-1936), collaboratore pastorale a Cañada del Gamo.
- Bartolomé Carrillo Fernández (1897-1936), parroco a Baena.
- José Castro Díaz (1888-1936), parroco a Fuente Obejuna.
- Juan Castro Luque (1872-1936), viceparroco a Castro del Río.
- Rafael Contreras Leva (1901-1936), viceparroco a Baena.
- José De La Cruz García-Arévalo (1873-1936), collaboratore pastorale a Dos Torres.
- Francisco Escura Foix (1898-1936), collaboratore pastorale a Córdoba.
- Antonio Fernández Aparicio (1878-1936), collaboratore pastorale a Pozoblanco.
- Mariano Fernández-Tenllado Roldán (1895-1936), parroco a Posadas.
- Arturo Franco Castro (1878-1936), collaboratore pastorale a Fernán Núñez.
- Alfonso Gallardo Moreno (1901-1936), viceparroco a Puente Genil.
- Francisco García Pareja (1877-1936), viceparroco a Bujalance.
- Gregorio Gómez Molina (1887-1936), amministratore parrocchiale ad Adamuz.
- José González Pérez (1901-1936), parroco a Villanueva.
- Alfonso Guadix Fuente-Robles (1872-1936), viceparroco a Bujalance.
- Antonio Gutiérrez Morales (1908-1936), viceparroco a Bujalance.
- Andrés Vicente Helguera Muñoz (1879-1936), parroco a Castuera.
- Juan De La Cruz Herruzo Ruiz (1884-1936), parroco ad Alcaracejos.
- Nicolás Hidalgo García (1870-1936), parroco a Bujalance.
- Antonio Huertas Vargas (1886-1936), collaboratore pastorale a Cañete de las Torres.
- Luis León Muñoz (1888-1936), collaboratore pastorale a El Carpio.
- José López Cáceres (1904-1936). Collaboratore pastorale a Puente Genil e a Espejo.
- Alfonso López Morales (1871-1936), parroco a Santa Eufemia.
- Juan Lucena Rivas (1895-1936), parroco a Puente Genil.
- Pedro Luque Cano (1873-1936), cappellano dell’ospedale di Montoro.
- Antonio Luque Jurado (1874-1936), parroco a Belalcázar.
- Baldomero Márquez García-Maribello (1869-1936), collaboratore pastorale a Hinojosa del Duque.
- Teodoro Martín Camacho (1895-1936), parroco a Bujalance.
- Rafael Martínez Navarro (1877-1936), canonico e cerimoniere della cattedrale di Córdoba.
- Lorenzo De Medina García (1867-1936), cappellano a Belalcázar.
- Antonio Molina Ariza (1904-1936), parroco a Hornachuelos.
- Ricardo Morales García (18991936), collaboratore pastorale a Puente Genil.
- José Morales Ruiz (1886-1936), viceparroco a El Viso.
- Justo Moreno Luque (1883-1936), viceparroco a Montemayor.
- Tarsicio Moreno Redondo (1909-1936), viceparroco a Villanueva.
- Juan Muñoz Mediavilla (1868-1936), viceparroco a Cabeza del Buey.
- Juan Navas Rodríguez-Carretero (1892-1936), parroco a Palma del Río.
- Juan José Orellana Del Moral (1870-1936), vicaparroco a Montalbán e a Espejo.
- Lorenzo Pérez Porras (1871-1936), collaboratore pastorale a Puente Genil.
- Antonio Pérez Vacas (1865-1936), collaboratore pastorale a Pedro Abad.
- José Pineda Cejas (1900-1936), collaboratore pastorale a Puente Genil.
- Juan Porras Redondo (1894-1936), parroco a Azuel-Cardeña, El Carpio, Pedroche e Ojuelos Altos.
- Luis Ramírez Ramírez (1887-1936), collaboratore pastorale a Luque, El Carpio, Villaralto e Peñarroya-Pueblonuevo.
- Rafael Reyes Moreno (1888-1936), parroco a Fernán Núñez.
- Julián Rivas Rojano (1878-1936), parroco a Cabeza del Buey.
- Lorenzo Atanasio Rodríguez Cortés (1903-1936), viceparroco a Casturea.
- Manuel Ruiz Caballero (1870-1936), collaboratore pastorale a Hinojosa del Duque.
- Francisco Salamanca Bujalance (1875-1939), parroco ad Añora.
- Jesús De Sande Tena (1899-1936), parroco a Villaharta.
- Andrés Serrano Muñoz (1884-1936), collaboratore pastorale a Cabeza del Buey.
- Pedro Simancas Valderramas (1872-1936), collaboratore pastorale a Cabeza del Buey.
- Bernardo Suárez Jurado (1910-1936), viceparroco a Cañete de las Torres.
- Antonio Frutos Tena Amaya (1905-1936), collaboratore pastorale a Peraleda del Zaucejo.
- Ángel De Tena Martín (1883-1936), viceparroco a Hinojosa.
- Ambrosio Torrico López (1881-1936), collaboratore pastorale a Hinojosa.

Cinque gli allievi del seminario che hanno così portato a compimento in pienezza la loro vocazione:

- Antonio Artero Moreno (1912-1936), di Pozoblanco.
- Rafael Cubero Martín (1913-1936), di Carcabuey.
- Antonio Montilla Cañete (1913-1936), di Puente Genil.
- Manuel Montilla Cañete (1919-1936), di Puente Genil.
- José Ruiz Montero (1914-1936), di Puente Genil.

Una religiosa della Congregazione delle Hijas del Patrocinio:

- María Del Consuelo González Rodríguez (1848-1936).

Tre i francescani, professi dell’Ordine dei Frati Minori

- Domingo Montoya Elorza (1885-1936), sacerdote.
- Buenventura Rodríguez Bollo (1895-1936), sacerdote.
- José María Roig Llorca (1871-1936), religioso.

Trentanove i fedeli laici e laiche:

- Miguel Arenas Castro (1905-1936), di Carcabuey.
- Josefa Bonilla Benavides (1902-1936) di Posadas.
- María Luisa Bonilla Benavides (1897-1936), di Posadas.
- Saturnino Feliciano Cabrera Calero (1894-1936), di Pozoblanco.
- María Del Carmen Alejandra Cabrera Llergo (1886-1936), di Pozoblanco.
- Ángel Cantador González (1886-1936), di Pedroche.
- Bartolomé Cantador González (1892-1936), di Belalcázar.
- Antonia Durán Palacios (1910-1936), di Posadas.
- Julia Durán Palacios (1905-1936), di Posadas.
- Guillermo Fernández Aguilera (1874-1936), di Baena.
- José Fernández De Henestrosa Boza (1898-1936), di Fuente Obejuna.
- Isidra Fernández Palomero (1893-1936), di Villaralto.
- Isidoro Fernández Rubio (1887-1936), di Villaralto.
- Francisco Fernández Y Sánchez Toril (1854-1936), di Cabeza del Buey.
- Antonio Gaitán Perabad (1920-1936), di El Carpio.
- Juan Gálvez Lozano (1900-1936), di Villafranca.
- Francisco García León (1920-1936), di Montoro.
- Nemesio García-Arévalo Hijosa (1886-1936), di Dos Torres.
- Emilio García Pareja (1881-1936), di Córdoba.
- Francisco De Sales Gómez Gil (1883-1936), di Hinojosa del Duque.
- Claudio Pedro Gómez Gil (1894-1936), di Hinojosa del Duque.
- Francisco Herruzo Ibáñez (1894-1936), di Obejo.
- Francisco Izquierdo Pérez (1918-1936), di Villafranca.
- José León Montero (1896-1936), di Bélmez.
- Blanca De Lucía Y Ortiz (1875-1936), di Palma del Río.
- Gregorio Ernesto Mohedano Cabanillas (1898-1936), di Bélmez.
- Adriana Morales Solis (1880-1936), di Puente Genil.
- Antonio Moreno Sevilla (1889-1936), di Chauchina.
- Antonia Palacios Bonilla (1877-1936), di Posadas.
- Martín Pozo Díaz (1870-1936), di Villanueva.
- Andrés Rueda Rojas (1895-1936), di Pedro Abad.
- Francisco De Paula Ortega Montilla (1868-1936), di Puente Genil.
- María Antonia Vergara Melgar (1867-1936), di Puente Genil.
- Brígida Toledano Osa (1859-1936), di Posada.
- Antonio Toral Cascales (1913/1914-1936), di Peñarroya.
- José Toral Cascales (1911/1912-1936), di Peñarroya.
- Baltasar Torrero Béjar (1865-1936), di Villafranca.
- José Vargas Nevado (1902-1936), di Villaviciosa.
- Antonio Zurita Mestanza (1878-1936), di Bujalance.

Il “capogruppo” Juan Elías Medina era nato a Castro del Río il 16 dicembre 1902. Ordinato sacerdote il 1° luglio 1926, ritornò come parroco nella sua città natale. Venne incarcerato il 22 luglio 1936 e nei giorni di prigionia si adoperò per confortare e assistere spiritualmente i suoi compagni. Il mattino del 25 settembre 1936 fu portato fuori dal paese in cui era recluso con altri quattordici compagni ed ucciso alle porte del cimitero, confessando la fede gridando “Viva Cristo Rey” e perdonando i suoi uccisori.
Tutti questi martiri furono assassinati dallo stesso carnefice, cioè dai miliziani repubblicani, in luoghi, circostanze e date diversi, ad eccezione di alcuni che trovarono la morte nella medesima circostanza.
La morte loro inflitta fu brutale e violenta. I carnefici furono attenti a non lasciare prove dei loro misfatti. Due sacerdoti morirono in seguito ai maltrattamenti subiti durante la prigionia: don Francisco Bejarano Fernández e don Francisco Salamanca Bujalance, quest’ultimo spirato dopo aver contratto una broncopolmonite. Quasi tutti, prima di essere trucidati, avevano vissuto la prigionia. Le uccisioni si verificarono in un contesto di guerra, ma già prima del conflitto si era sviluppato un violento clima di persecuzione religiosa nei confronti dei cattolici.
Nel 1936 il Fronte Popolare, dopo aver vinto le elezioni, armò i civili, tra i quali si trovavano miliziani socialisti, comunisti e anarchici, scatenando così la persecuzione contro la Chiesa. Furono uccisi vescovi, sacerdoti e religiosi, ma anche numerosissimi fedeli impegnati nella vita parrocchiale.
L’odium fidei fu il motivo prevalente dell’agire dei persecutori. Non vi è dubbio che i candidati agli altari vennero assassinati in quanto cattolici; alcuni erano impegnati in attività ecclesiastiche o erano membri di associazioni come l’Azione Cattolica o l’Adorazione Notturna del Santissimo Sacramento. La ferocia dei persecutori non colpì solamente le persone, ma si riversò anche senza pietà su oggetti sacri e luoghi di culto.
Riguardo invece al martirio formale ex parte victimarum, le testimonianze e la documentazione raccolte dalla postulazione evidenziano la disposizione dei  futuri martiri nell’accettare il carcere e la morte. Significativo fu l’atteggiamento mantenuto dalla maggior parte di essi durante la detenzione, sino a trasformare la prigione in un luogo di preghiera e preparazione spirituale al martirio, accettando la condanna con serenità, pregando o perdonando i carnefici.
Papa Francesco, nel concedere ufficialmente la palma del martirio a questa schiera di testimoni della Fede, ha aperto così la strada alla loro beatificazione, che sarà celebrata verosimilmente nel 2021.


Autore:
Don Fabio Arduino

______________________________
Aggiunto/modificato il 2020-12-01

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati