Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati




Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:


E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione Testimoni > Padre Wenceslau Szuniewicz Condividi su Facebook Twitter

Padre Wenceslau Szuniewicz Missionario e medico vincenziano

.

Klenbokie, Polonia, 28 dicembre 1892 - 16 ottobre 1963

Nacque a Klenbokie, Polonia, il 28 dicembre 1892. Divenne medico nel 1917 presso l'Università di Medicina di Mosca e si specializzò in pediatria e oftalmologia. Fu ordinato sacerdote l'8 dicembre 1930 a Cracóvia e mandato missionario in Cina nel 1931. Costruì un ospedale con 110 letti e 18 cliniche, dove eseguì 35 interventi chirurgici agli occhi al giorno e 800 estrazioni di cataratta all'anno. Nel 1952 andò in Brasile per lavorare alla Paróquia de Mafra e nel 1956 andò a Irati come vicario alla Paróquia São Miguel. Morì il 16 ottobre 1963, dopo aver celebrato Messa.



Alcune informazioni biografiche
Proveniva da una famiglia numerosa composta da Romualdo Szuniewicz e Paulina Cybulska e sette figli, tre dei quali morirono in tenera età, Wenceslau sopravvissuto e tre sorelle, con le quali mantenne una corrispondenza permanente, definendole care sorelline. Nacque a Glenbokie, diocesi di Wilno, allora appartenente alla Russia e oggi alla Bielorussia. I suoi genitori gli hanno dato un'istruzione eccellente. Terminò gli studi a Smolensk, dove si era trasferita la sua famiglia. Era indeciso tra essere un prete o un medico; camminava per i boschi contemplando la natura e cercando di prendere una decisione. Dopo averla presa, disse ai suoi genitori: "Ho chiesto consiglio a Dio e alla natura e ho deciso di essere un dottore dei corpi piuttosto che dell'anima". Andò poi a Mosca con suo padre e si iscrisse alla Facoltà di Medicina, diventando medico nel 1916. Si trasferì per un periodo ad Alma Ata.
Allo scoppio della Prima Guerra mondiale, fu chiamato al servizio militare e prestò servizio sul fronte di Minsk, poi Tul e Voronec, dedicandosi ai soldati feriti degli ospedali militari. Trattando persone affette da tifo, contrasse la stessa malattia e trascorse 22 giorni tra la vita e la morte, estromesso dal corpo medico. Solo le sue sorelle credevano che si sarebbe ripreso. È andò così. Si salvò quasi per miracolo. Non appena uscì dall’ospedale si recò direttamente in Chiesa; si confessò, consapevole che la sua guarigione era dovuta all'Altissimo - ricorda la sorella Constancia -. Anni dopo, lui stesso scrisse: "quella fu una risurrezione".
Dopo la guerra, decise di lasciare la Russia.
Ovunque il Dr. Wenceslau si presentava sempre come cittadino polacco e per questo non ebbe difficoltà ad ottenere il diritto di ritornare in patria. Scelse Wilno come residenza, dove lavorò negli ospedali e insegnò alla Stefan Batory University, al Dipartimento di Pediatria e Oftalmologia. Ha fondato l'Asilo "Goccia di Latte" per i bambini orfani. Non aveva tempo per amoreggiare, perché tutto il suo amore era per i sofferenti, i malati e gli anziani. Secondo sua sorella Costanza, si è quasi sposata per compassione con una tubercolosi.

La sua vocazione vincenziana
Il Dott. Wenceslau con 16 anni di professione godeva di molta considerazione e rispetto come buon medico ed esente organizzatore, ma Dio lo trovò nel mezzo delle sue attività. Un giorno il Dott. Szuniewicz è stato chiamato per assistere un malato nella Casa dei Padri della Missione a Gora Zbawiciela - Wilno. Dopo aver effettuato diverse visite, è rimasto impressionato dall'accoglienza e dall'ambiente fraterno e ha deciso di farsi uno di loro. Oh Ha sentito la voce di Dio! Un altro fatto che influenzò la sua decisione fu l'ammirazione che aveva per il lavoro silenzioso e affettuoso verso i malati delle Figlie della Carità. Avendo ricevuto e poi letto la biografia di San Vincenzo de' Paoli, rimase piacevolmente impressionato dalla figura straordinaria del Santo. Entrato in contatto con i superiori di Cracóvia ed essendo stato accettato nella Congregazione della Missione, si congedò dall'Ospedale e dall'Università e viaggiò per Stradom-Cracóvia. Il giorno 24 aprile 1927 iniziò la sua nuova camminata. Dopo due anni di Seminario Interno, pronunciò i suoi voti perpetui. Ha proseguito gli studi di Teologia ed è stato ordinato sacerdote il giorno 8 settembre 1930 dal Vescovo Stanislaw Rospond. Durante i suoi studi teologici scriveva articoli in "METEOR" su "La medicina al servizio delle missioni".

La Missione vincenziana in Cina
Dopo le sue primizie sacerdotali si cominciò a preparare a Wilno per un lungo viaggio missionario: Cina. Da Wawel alla Cina. Perché in Cina? La Chiesa cattolica alla fine del XIX secolo ebbe un'espansione molto dinamica in quel paese. Nel 1929 iniziò una missione polacca con un primo Gruppo di Missionari sotto la direzione di Don Ignacio Krause, C.M., a Shunteh-Fu, oggi Xing-tai. P. Wenceslau faceva parte del secondo gruppo. Il viaggio da Cracovia a Parigi, dove ha celebrato la Messa sull'Altare delle Reliquie di San Vincenzo de' Paoli, e poi a Marsiglia e Shanghai, è durato 40 giorni in mare. Destinato a Shunteh-Fu, dopo una settimana riuscì ad aprire un ambulatorio provvisorio. In quello stesso luogo ha promosso un grande Ospedale Oftalmologico con 100 posti letto. Non contento di quello, osservando le lunghe distanze, promosso altri Posti o Ambulatori, 18 in totale, a una distanza di 20 e fino a 70 Kms., dove andava in bicicletta, accompagnato da infermieri o studenti di medicina. Riceveva donazioni dalla Polonia come rimedi, attrezzature e utensili adatti per il trattamento delle cascate, ecc. Le Figlie della Carità polacche collaboravano con i missionari nelle loro attività missionarie: ospedali, asili, scuole, ecc. "Negli ospedali della missione, l'oftalmologia divenne la nostra specialità. Possiamo contare a centinaia gli interventi di cataratta e altre malattie più difficili. Grazie a Dio tutto accade in modo facile e con successo" scrive alle sue sorelle. “Dopo gli interventi si arriva a conquistare le anime. Quando l'occhio si apre, si scorge il sole, si rallegra vedendo i fiori e i colori, diventa più facile raggiungere lo spirito. Dio muove l'anima e la apre alla luce della Verità eterna. Si serve di noi come strumenti della sua infinita misericordia". " Sto vedendo, care sorelline, stiamo vivendo qui la pienezza della vita" -aggiunge. " Che missionario è, diranno, che passa tutto il tempo in operazioni, scrive in un'altra corrispondenza. Che cosa posso fare quando i ciechi o semiciechi desiderano vedere? La Provvidenza guida il bisturi poiché quegli interventi sono necessari. Inoltre, è l'occasione per rivolgere qualche parola alle vittime del bisturi affinché non solo gli occhi ma anche lo spirito possano raggiungere la vista”. P. Wenceslau non era un semplice oculista. È stato un eminente specialista, precursore delle operazioni corneali, che corregge i difetti della vista. Oggi questi interventi sono fatti con raggi laser, li faceva con bisturi chirurgici, che chiedeva alle sue sorelle di inviarglieli, perché questi dovrebbero essere sempre nuovi. " Per circa 800 interventi all'anno non c'è tempo per affilare" scrive scherzando. Preparazione di medici e infermieri/e Il P. Szuniewicz non si accontenta di curare i malati, pensa al tempo stesso al futuro, prevede l'arrivo del comunismo, e organizza Corsi per la Cinese, addestrando medici e infermieri del paese in vista degli eventi futuri. Lavora senza sosta. La sua reputazione supera i confini della regione. Il Delegato Apostolico, Don Zanin, lo ha invitato per organizzare il Dipartimento di Oftalmologia dell'Università Cattolica e il suo Centro Ospedaliero (1938) a Pechino. Nel 1936, l'ospedale di Shunteh fu visitato dal presidente dell'Università Aurora, P. Hermain, SJ, che dopo questa visita scrisse nel Bollettino dell'Università: "la fama dello scienziato polacco ha raggiunto tutte le province settentrionali dalla Cina, i pazienti che percorrono centinaia di chilometri vengono a farsi curare da lui, le sue procedure chirurgiche sono riconosciute straordinarie da tutti gli specialisti. Riconosciuto anche perché ha formato 10 medici che lavorano con lui. "I cinesi lo chiamavano Suen Wei Jen o altrove Xuan-Weiner, che significa uomo con la barba d'argento, a causa del colore dei suoi capelli bianchi. Questo era un titolo onorifico. , di rispetto per il dottore. Era un prete e un medico, con la missione, come soleva dire, "di curare lo spirito invisibile e aiutare le persone a ritrovare la vista e la salute". I cinesi lo avevano come "Wonder Worker". All'ospedale apparve un poverissimo cieco che aveva percorso a piedi due miglia, le sue condizioni erano molto delicate a causa delle condizioni della cataratta, padre Wenceslau acconsentì a curarlo. Prima pregava prostrato sulla croce nella Cappella. Al mattino presto ha celebrato l'Eucaristia alla quale ha partecipato e comunione tutto il personale della sala operatoria. La chirurgia è arrivata dopo. Per due settimane furono fatte preghiere incessanti poiché gli occhi del malato erano stati infettati. Dopo due settimane, rimosse le bende, il povero cieco è riuscito a vedere il "taumaturgo". Solo Dio sa quanti miracoli come questo sono accaduti. Amare tutte le persone con tutto il tuo essere P. Wenceslau ha trascorso 18 anni in Cina. Come scrive lui stesso, nessun anno è passato in pace. Sempre in qualsiasi parte del territorio conflitti, guerre civili, guerre sino-giapponesi.

Il breve periodo negli Stati Uniti d’America
Nel 1949 i comunisti presero il potere. I superiori della missione hanno deciso di chiuderla e trasferirla negli Stati Uniti. P. Wenceslau con grande dispiacere decide di viaggiare. "Mi sono abituato a La China, amavo i cinesi, molti di loro mi hanno trattato come uno di loro", scrive dalla barca. Negli Stati Uniti, a New Haven, c'è la famosa Yale University, una buona occasione per verificare scientificamente i dati acquisiti in Cina e fare nuove esperienze. In una lettera scherza: "Inizierò con conigli e cani, che qui non mancano, e forse insegno a questi animali a portare gli occhiali". La sua ricerca è apparsa solo dopo la sua morte in una rivista oftalmologica. Il padre dottor Szuniewicz è entrato nella storia della medicina come pioniere della cosiddetta chirurgia refrattiva. I suoi esperimenti nei laboratori universitari e due manoscritti preparati per la pubblicazione, uno nel gennaio 1952 e l'altro nel settembre 1954, non furono pubblicati per ragioni sconosciute. Tuttavia, i suoi sforzi e le sue ricerche sono stati ricordati dal Dr. Rocko Fasanella, M.D., oftalmologo di New Haven che conosceva personalmente P. Wenceslau, ha allegato i suoi articoli nel libro: Szuniewicz W. - Fasanella RM. : "Chirurgia nel tentativo di cambiare la curvatura corneale", Ophtalmologic Surg., 1981; 10/12: 719-726. Scrive il Dott. Fasanella: "Padre Szuniewicz è stato una delle persone più ammirevoli che abbia mai incontrato. Era un santo nella vita. Le sue conoscenze mediche erano molto moderne nonostante fosse stato lontano dalle istituzioni per anni. I suoi studi di laboratorio su Corneal Surgery, 1951, non furono mai pubblicati, tuttavia furono presentati in conferenze pubbliche. Quegli studi furono ripetuti indipendentemente in Europa nel 1976 e valutati corretti al 100%. Era un eccellente insegnante in ogni modo. "Secondo il Dr. Fasanella, "P. Szuniewicz era un medico qualificato con una vasta esperienza in oftalmologia e un grande ricercatore nel campo della chirurgia corneale". Il concetto di correzione chirurgica dell'astigmatismo corneale fu probabilmente avviato da P. Szuniewickz a Shunteh-Fu nel 1946, periodo in cui per 21 anni non ebbe accesso alla letteratura oftalmologica. Pensiamo che non ci sia dubbio che le sue idee fossero originali, che siano nate in modo indipendente e che la sua ricerca non fosse semplicemente la ripetizione di un lavoro svolto da altri ".

La missione vincenziana in Brasile

Negli Stati Uniti ha ricevuto la proposta del governo americano di diventare cittadino americano, ma ha preferito mantenere la cittadinanza polacca e ha scelto il Brasile per dedicarsi anima e corpo alle persone semplici e bisognose della provincia di Curitiba. In una lettera a suor Constancia scrive: "la vita qui non mi soddisfa. Il tenore di vita è molto alto, insieme a quanto segue: una vita agiata e un'anima vuota ... "(5 dicembre 1951). Lascia gli Stati Uniti e l'11 febbraio 1952 sbarca in Brasile. Lavora a Mafra con Dr. Saliba e in parrocchia con padre Stefanowicz, anche lui missionario cinese. Successivamente è stato assegnato a Irati, parrocchia San Miguel, dove era parroco padre Segismundo Piotrowski. Ha organizzato un ambulatorio medico nel quartiere di Río Bonito. Ha promosso incontri e incontri con i medici al fine di attrezzare meglio l'ospedale. Con la loro collaborazione è stato in grado di dare una maggiore e migliore assistenza medica ai poveri e bisognosi. Ha prestato servizio spirituale e guida ai malati, infermieri e Medici, ha eseguito interventi chirurgici principalmente nella sua specialità di oftalmologia e ha ideato un movimento chiamato "Asociación de Padres Cristianos" e la Biblioteca Volante per stimolare la lettura nell'ambiente parrocchiale.

Un vero vincenziano

Padre Wenceslau o Padre Dottore, come veniva chiamato, era un uomo di intensa attività medico-pastorale e di instancabile dedizione agli altri, un uomo di grandi doti naturali, sviluppatosi grazie alla sua tenacia; di una rettitudine senza precedenti, coronata da un'umiltà e semplicità veramente evangeliche e vincenziane.

Il passaggio alla casa del Padre
Morì il 16 ottobre 1963, la mattina molto presto, per un infarto. Aveva scritto di recente: "Porteremo nell'altro mondo il bene che abbiamo fatto per gli altri e ciò che otteniamo nella preghiera". Come oculista, ha eseguito l'operazione sugli occhi ricordando l'immortalità dell'anima. In questo modo è riuscito a condurre centinaia e migliaia di persone a Cristo, il medico immortale. In Cina c'è un monumento a P. Wenceslau, in Polonia il professor Edward vuole che venga costruito un ospedale con il suo nome per immortalarlo.

La Causa di Beatificazione sta per iniziare con la prima Sessione nella Diocesi di Pontagrossa (Curitiba) presieduta dal Vescovo Sérgio Arthur Braschi.


Fonte:
www.santivincenziani.it

______________________________
Aggiunto/modificato il 2021-01-25

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati