Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati


Newsletter
Per ricevere i Santi di oggi
inserisci la tua mail:

E-Mail: info@santiebeati.it


> Home > Sezione A > Sant' Alfonso II il Casto Condividi su Facebook Twitter

Sant' Alfonso II il Casto Re delle Asturie

Senza data

† 842

Etimologia: Alfonso = valoroso e nobile, dal gotico


Fu il primo re delle Asturie (791-842) a dare un vero grande impulso alla guerra di riconquista contro i Musulmani, allargando anche l’orizzonte politico del suo regno per mezzo di un’alleanza con Carlomagno e poi col successore Lodovico il Pio. Benché i Musulmani avessero conquistato nel 794 la sua capitale, Oviedo, riuscì a batterli a più riprese fino a riconquistare nel 796 la lontana città di Lisbona. Queste vittorie e la divisione esistente tra i Musulmani gli procurarono un grande prestigio, che gli permise di intervenire più volte nelle loro questioni interne.
Si dimostrò zelante del culto costruendo o restaurando parecchie chiese, specialmente nella città di Oviedo; ma l’avvenimento più importante del suo regno, dal punto di vista religioso, per l’influsso che ebbe successivamente nella storia spirituale della Spagna, fu la scoperta del sepolcro e delle spoglie dell’apostolo s. Giacomo il Maggiore nei pressi della sede vescovile di Iria Flavia, nella Galizia. Alfonso vi costruì sopra una basilica, di cui sono stati ritrovati degli avanzi nei recenti scavi sotto la cattedrale di S. Giacomo di Compostella.
La Cronaca di Alfonso III del sec, X dice che Alfonso, dopo aver governato per cinquantadue anni “caste, sobrie, immaculate, pie ac gloriose..., amabilis Deo et Hominibus, gloriosum spiritum emisit ad coelum”: giudizio confermato dalle Cronache Albedense e Silense, della stessa epoca. Nella chiesa del S. Salvatore di Oviedo, dove fu sepolto, gli venne tributato un certo culto, in quanto il suo corpo veniva annoverato tra i “corpora sanctorum martyrum” conservati ed onorati in detta chiesa (“et corpus regis casti qui ecclesiam Sancti Salvatoris fundavit”) come attesta il più antico catalogo delle reliquie di Oviedo, che probabilmente risale agli inizi del sec. XI. Nel monastero di S. Pelayo di Oviedo si celebrava nel sec. XVI, come attesta Antonio de Yepes, la Messa in suo onore.


Autore:
Justo Fernandez Alonso


Fonte:
Bibliotheca Sanctorum

_____________________
Aggiunto il 2001-06-11

___________________________________________
Translate this page (italian > english) with Google


L'Album delle Immagini
è temporaneamente
disattivato




CD immagini

Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati
Clicca qui per richiederlo

Home . Onomastico . Emerologico . Patronati . Diz.Nomi . Ricerca . Ultimi . Più visitati